Aringhe fresche alla griglia
Tempo di lavorazione e di cottura: 40 minuti circa
Ingredienti per 4 persone :
aringhe fresche circa gr 700 – burro gr 80 – olio di semi – ottimo aceto – senape – sale – pepe.

Preparazione:
Squamate accuratamente le aringhe, togliete le branchie, fate un taglietto nel ventre e asportate gli intestini quindi lavatele bene e lasciatele scolare a testa in giù per qualche minuto, poi asciugatele con un telo, sistematele su un piatto e irroratele con qualche cucchiaiata d’olio.

Ponete sul fuoco (potendo di brace) una capace griglia pulitissima, quando è ben calda ungetela d’olio, sistematevi i pesci e lasciateli arrostire a fuoco moderato affinché possano cuocere anche internamente.

Quando sono ben cotti da un lato, con una paletta voltateli e terminate di cuocerli, ricordando di ungerli, di tanto in tanto, con poco olio (usate una pennellessa o un rametto di rosmarino).

A cottura quasi ultimata ponete a fuoco in un piccolo tegame il burro, appena sciolto amalgamatevi un cucchiaino di senape, il sale e il pepe necessari. Quando il burro inizia a soffriggere incorporatevi un cucchiaino di aceto.

Accomodate le aringhe ormai cotte su un piatto da portata, versatevi sopra la salsina fatta e servitele subito ben calde.

Note – Consigli – Varianti :
L’aringa (conosciuta anche con il nome di salacca, arenga) è un pesce che vive nei mari settentrionali. Ha un corpo compresso con scaglie che si staccano facilmente; il dorso è di colore azzurro intenso, il ventre è argenteo.

Si gusta sia fresca, ed è digeribilissima, che affumicata o salata, e in questo caso riesce di più difficile digestione. Ha carni magre. Le aringhe fresche possono essere cucinate fritte, sulla griglia, alla mugnaia ecc. Si trovano in vendita, fresche, sul finire dell’inverno e in primavera.

Vedi anche:  Canocchie ai ferri
Chiudi il menu