La vendita di cani in internet

cuccioliLa vendita di cani in internet E' aumentata negli ultimi anni di pari passo col rischio di truffe.

La vendita dei cuccioli di cane può avvenire in molti modi, negli ultimi anni si è diffusa enormemente via internet, con la diffusione così massiva di sempre più punti vendita ha fatto si che aumentasse in modo sproporzionato anche il rischio di incorrere in vere e proprie truffe.

Il fatto di non vedere realmente un cane; ma di ammirarlo solo sullo schermo di un computer, può comportare qualche rischio.

La compravendita effettuata in rete offre sicuramente molti vantaggi, primo fra tutti la comodità, ma nasconde rischi piuttosto consistenti, anche se esistono allevatori onesti e degni della massima fiducia anche in rete.

Il primo rischio che si corre è pagare a prezzo pieno un soggetto che non vale tanto, sia per le caratteristiche morfologiche nei confronti dello standard della razza, sia per gli eventuali problemi di salute che implicherebbero i relativi ulteriori costi per le cure; bisogna anche considerare che è buona norma conoscere la genealogia del cane che s'intende acquistare e vederne i genitori, evidenziare la possibilità di caratteri, vizi e tare ereditarie.

Va, inoltre, considerato il rischio di una eventuale contestazione: di prassi, quando ci si accorge che qualcosa non va nel cane dopo averlo acquistato, ci si rivolge all'allevatore e, se questo è serio e il cucciolo presenta veramente dei problemi, il proprietario ne ottiene la sostituzione.

Via internet, spesso, non si riesce a contestare il cane e rimandarlo indietro; ammesso che il proprietario non sia ormai affezionato e lo voglia tenere comunque, cosa su cui contano i disonesti. Molto importante è poter capire anche il carattere del cane, che deve essere equilibrato per non tramutare in sofferenza una convivenza che invece dovrebbe essere serena; entrare in diretto contatto col soggetto prima dell'acquisto, cucciolo o adulto che sia, permette di rendersi conto subito se presenta qualche problema caratteriale e poter vedere l'allevamento, l'ambiente in cui è cresciuto il cane è importantissimo.

La formazione del carattere avviene tra le 5 e le 12 settimane di età, il cosiddetto periodo dell'imprinting, dove le esperienze fatte in questo periodo condizioneranno per sempre nel bene e nel male le reazioni del soggetto. Considerando che un cucciolo viene venduto dopo i 60 giorni, la formazione del carattere si ha parte in allevamento e parte in casa, quindi, l'allevamento ha un'importanza fondamentale soprattutto per la socializzazione.

Tantissimi cuccioli di cani giungono da paesi dell'Est Europeo o ad ogni modo località estere non soggette a controlli adeguati, sfortunatamente la maggior parte delle volte si tratta di cuccioli che vengono allevati in condizioni igieniche, sanitarie e nutrizionali tanto precarie che i livelli di stress raggiunti in questi soggetti sono così inimmaginabili che non è possibile prevedere tutte le probabili ripercussioni.

Accade, quindi, che prima di essere presentati al pubblico, questi cuccioli hanno viaggiato in condizioni estreme per un tempo eccessivamente lungo, spesso strappati troppo presto dalla madre anche falsificando la data di nascita, siano giunti in Italia imballati e trasportati come oggetti senza, ovviamente, acqua e cibo.

Date le suddette condizioni non è difficile pensare che un numero considerevole di cuccioli muoia durante il trasporto; questo però, per i trafficanti non costituisce un vero e proprio problema: i prezzi cui loro stessi li acquistano sono bassissimi, mentre quelli a cui li rivendono altissimi.

I cuccioli venduti a questi prezzi elevatissimi, quindi i superstiti, sono soggetti alle patologie più disparate dovute alla mancata nutrizione, perché non sono stati vaccinati e per le condizioni di trasporto.

Tra i consigli per l'acquisto di un cucciolo tramite internet: scegliere allevamenti con una-due razze al massimo oppure rivolgersi alla cucciolata (visibile) di un privato, non acquistare cuccioli con meno di due mesi, controllare lo stato vaccinale del cucciolo dal libretto sanitario che ovviamente presenterà nome e timbro di un medico veterinario, le vaccinazioni non certificate da veterinari sono da ritenersi nulle e quindi devono essere ripetute già alla prima visita dal sanitario di fiducia verso cui riferirsi, in ogni caso dopo l'acquisto del cucciolo, infine, accertare che il microchip assegnato abbia un intestatario.

La visita può evidenziare eventuali problemi sanitari o ereditari, il termine consentito per la contestazione è di 8 giorni, passati i quali è possibile effettuarla solo per i vizi e i difetti occulti.

Photo Gallery