Cani e gatti, questione di sonno

sonnoCani e gatti, questione di sonno Il sogno per loro è una rappresentazione del vissuto quotidiano.

Quando guardiamo i nostri cani e gatti mentre dormono, accoccolati sul divano o stesi in terra, con il muso rilassato e le zampe distese, spesso sembra che siano svegli, nonostante gli occhi chiusi e l'aria sognante, altre volte invece sembrano proprio crollati in un sonno profondo; viene da chiedersi se i cani sognano, proprio come facciamo noi, mentre dormono.

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che il sonno dei cani e dei gatti può distinguersi in due categorie: il sonno a onde lente o fase LEM (Low Eyes Movements) che viene chiamato anche sonno della mente e il sonno paradosso o REM (Rapid Eyes Movements) che viene invece definito il sonno del corpo; è questo secondo gruppo di sonno quello maggiormente interessante, in cui si muovono involontariamente i muscoli e vi sono rapidi movimenti degli occhi.

Il sonno Rem è caratterizzato da contrazioni dei muscoli e degli arti: nel cane tale fase si manifesta in particolare con una contrazione del muso, degli arti e spesso con sottili vocalizzazioni; è questa la fase nella quale l'uomo sogna: è dunque probabile che anche il cane, oltre ai movimenti involontari possa sognare e rappresentarsi delle situazioni, non si hanno certezze in tale senso ma appare assolutamente probabile che gli animali si comportino esattamente come gli uomini.

Un altro aspetto interessante da affrontare potrebbe essere quello concernente i ritmi assunti dagli animali che vivono a stretto contatto con l'uomo: se i cani fossero in condizioni naturali, infatti, probabilmente avrebbero diversi intervalli tra l'attività e la fase del riposo, mentre gli animali che vivono stabilmente in una famiglia pare che dedichino molto tempo al riposo rispetto agli altri, dormendo profondamente di notte e restando svegli di giorno, proprio come noi umani.

Ogni volta in cui osservando il vostro cane riposare, lo vedrete guaire, tremare, muovere le zampe come a voler correre o gli occhi, ecco, è molto probabile che stia sognando, magari un bel prato verde sul quale correre o una bella palla da rincorrere: pare, infatti, che i cani siano propensi a sognare attività pratiche che amano fare, come appunto giocare o mangiare, comunque momenti di vita vissuti.

Secondo il dottor Wilson, un ricercatore americano, il sonno Rem ospita, come nell'uomo, il sogno, che è una rappresentazione del vissuto quotidiano, i sogni non-Rem sono composti da istantanee degli avvenimenti di quel giorno; invece durante il sonno Rem i sogni durano più a lungo e possono riguardare esperienze passate da settimane, mesi o persino anni prima.

Mentre dormono, secondo questo ricercatore, nella mente dei nostri animali, scorrono, come in un film, le immagini di eventi passati, proprio come noi ricordiamo le esperienze vissute nella realtà in sogno. Questo avviene perché l'ippocampo, una parte del cervello coinvolta nella memoria, è organizzato nello stesso modo in quasi tutti i vertebrati e i mammiferi.

Altra curiosità è che i cani di grossa taglia, sognano di più e i loro sogni hanno una durata maggiore rispetto a quelli di piccola taglia; ad esempio un mastino potrebbe sognare ogni 45 minuti per circa cinque minuti mentre un cane toy sogna ogni 10 minuti con episodi che durano meno di 60 secondi.

Per quanto riguarda i gatti, sono animali più attivi tra il tramonto e l'alba, mentre si concedono il meritato riposo durante le ore del giorno che sono quelle in cui rimangono più tempo da soli; sembra inoltre che i gatti che mangiano di più siano quelli che trascorrono maggior tempo a riposare e a sognare, rispetto a quelli affamati che appaiono più attivi; infine, nei soggetti anziani il sonno della mente (che è quello più profondo) prevale sul sonno REM.

Probabilmente il vecchio detto: "Non svegliare il can che dorme" ha chiari riferimenti al cane che dorme e sogna, che se infastidito o svegliato in modo brusco, potrebbe reagire in modo inaspettato.

Photo Gallery