le patologie dell'orecchio

cane_patologiele patologie dell'orecchio L' orecchio è l'organo più sensibile degli animali domestici e anche quello maggiormente soggetto a svariate patologie. Proprio per questo è importante riconoscere i sintomi e le manifestazioni tipici delle patologie otologiche per poterli curare in modo tempestivo ed efficace.

La struttura dell'orecchio è molto complessa, in generale si distinguono una porzione esterna, una media e una interna. Sicuramente molti proprietari di cani hanno avuto a che fare con una patologia dell'orecchio che si chiama otite; in base alla porzione di organo interessata, le otiti si dividono in otite esterna, media e interna.

L'otite esterna interessa il padiglione auricolare e il condotto uditivo esterno; questa condizione, molto comune nel cane e meno nel gatto, interessa cani di tutte le razze, età e sesso, in particolare le razze con una folta presenza di peli nel canale auricolare sono considerate a maggior rischio.

Diversi fattori favoriscono l'otite, per esempio la conformazione del canale uditivo, i condotti piccoli e stretti comportano accumulo di secreto nel canale auricolare. Le razze con il padiglione pendulo sono considerate a maggior rischio di otite a causa della minor circolazione di aria all'interno del canale, tuttavia sono colpite anche razze che hanno orecchie diritte.

La troppa umidità del canale auricolare può condurre alla distruzione dello strato corneo, con conseguente indebolimento della sua funzione di barriera. Ciò predispone l'orecchio alla colonizzazione da parte dei microrganismi patogeni con conseguente infezione.

Le cause più comuni dell'eccessiva umidità del canale auricolare sono i bagni frequenti e l'elevata temperatura e umidità ambientali. Anche le cure inappropriate e gli errori terapeutici possono far danno, così pure le infezioni batteriche e le alterazioni anatomiche delle strutture del canale auricolare.

Anche le malattie allergiche, nel cane, sono causa di otite esterna bilaterale, spesso l'unico sintomo della dermatite atopica e si manifesta con un violento scuotimento della testa e un intenso prurito alle orecchie. Un'ulteriore frequente causa sono le allergie alimentari che possono provocare una fastidiosissima otite che tende a cronicizzare.

Anche i parassiti (acari) portano otiti come pure la presenza di corpi estranei, infatti, materiale vegetale come i cosiddetti forasacchi (spighe), sabbia, sporcizia, tappi di pelo e di cerume possono causare un'otite molto dolorosa. Si può arrivare anche a una perforazione del timpano con conseguente aggravamento della patologia. In ogni caso il sintomo principale è il prurito, spesso notevolmente intenso con testa inclinata da un lato con scuotimento, spesso in maniera violenta a causa dell'intenso fastidio o dolore.

In presenza di questi sintomi è bene consultare subito un Veterinario per evitare ulteriori lesioni o ematomi da scuotimento che possono ulteriormente peggiorare la situazione. L'otite media è l'infiammazione della parte intermedia dell'orecchio; la maggior parte delle cause sono comuni a quelle dell'otite esterna: batteri, lieviti, malattie allergiche, corpi estranei, ma anche traumi e tumori. I sintomi sono scuotimento della testa, sfregamento con la zampa dell'orecchio malato, alterazioni dell'udito e a volte segni neurologici.

La terapia varia in base alla causa scatenante e consiste nel rimuovere eventuali detriti o corpi estranei, se presenti, e somministrare antibiotici. L'otite interna o labirintite rappresenta l'infiammazione dell'orecchio interno; le cause possono essere infettive (batteri, lieviti, virus) oppure congenite, traumatiche, da farmaci o da neoplasie.

In caso di labirintite è possibile una perdita di equilibrio, testa inclinata, andatura in circolo e perfino nausea o vomito. Il modo migliore per combattere l'otite è un'igiene scrupolosa dell'orecchio, una pulizia accurata e regolare soprattutto nei mesi caldi e negli animali predisposti.

A tal proposito sono disponibili in commercio numerosi prodotti specifici, tra questi detergenti, emollienti, ceruminolitici, igienizzanti.
Questi ultimi sono di solito a base di clorexidina, una sostanza ad azione antibatterica e antimicotica.
Prevenire le otiti è possibile anche attraverso un'alimentazione specifica monoproteica.

Photo Gallery