Rischio pulci con la bella stagione

pulciQuesti fastidiosi insetti sottraggono sangue ai nostri animali fino a debilitarli. Inoltre possono essere causa di altre malattie come ad esempio la Teniasi, una parassitosi intestinale sostenuta da vermi piatti.

Le pulci adulte sono dei piccoli insetti bruni, schiacciati lateralmente e privi di ali, talvolta facilmente visibili mentre corrono attivamente attraverso il mantello, in particolare nella zona ventrale dell'addome e nella regione inguinale, dove il pelo è più rado.

La più importante è la pulce del gatto, Ctenocephalides felis, capace d'infestare il cane ed eccezionalmente anche l'uomo. L'infestazione da pulci, chiamata anche pulicosi, non sempre viene rilevata dal proprietario, questo perché molti animali sopportano bene la presenza anche di molte pulci, accusando solo un risentimento fugace durante la puntura dell'insetto: movimenti della testa a scatto verso i fianchi o la base della coda, mordicchiamento lungo gli arti, leccamento di fianchi, cosce e coda oppure contrazioni rapide del mantello.

Questi fastidiosi insetti sottraggono sangue ai nostri animali, debilitandoli, inoltre possono essere causa di altre malattie come ad esempio la Teniasi, una parassitosi intestinale sostenuta da vermi piatti.
Molti cani possono diventare ipersensibili ai componenti della saliva delle pulci e sviluppare una dermatite allergica.
In questi soggetti si può scatenare una violenta crisi pruriginosa che si manifesta con grattamento, mordicchiamento o leccamento, e si manifesta con la presenza di arrossamento, papule, forfora, croste e rarefazione o assenza di pelo in aree definite del corpo, quali il collo, le zone dorsali lombo-sacrali e il piatto delle cosce.

pulci2Nei casi più gravi si possono presentare lichenificazione e iperpigmentazione con cute ispessita, rugosa e nerastra. Alcune infestazioni si manifestano con improvvise dermatiti essudative acute, molto arrossate, pruriginose, umidicce e senza pelo, sottoposte a leccamento e grattamento.

A conferma della presenza delle pulci è sufficiente spazzolare energicamente il cane sopra un telo bianco,in questo modo si raccolgono e s'identificano gli escrementi dell'insetto,sotto forma di piccoli granelli rosso-nerastri che a contatto con del cotone inumidito, si sciolgono lasciando un alone bruno-rossastro, a testimonianza della loro composizione ematica.

Il ciclo delle pulci avviene in condizioni ottimali di temperatura (primavera - estate) nell'arco di poche settimane; le pulci adulte presenti sull'animale, dopo un pasto, si accoppiano e depongono decine di uova che essendo prive di adesività, cadono a terra, dove completano il loro sviluppo.

Una volta accertata la presenza del parassita, bisogna stabilire un adeguato programma di lotta alle pulci, che comprende il trattamento simultaneo di tutti gli animali presenti in ambito domestico, quindi anche gatti, conigli, cavie, criceti. In commercio sono disponibili prodotti a uso topico (spot on a base di molecole insetticide di nuova generazione) e a uso orale, con efficacia molto elevata; di solito vengono eseguiti trattamenti ogni trenta giorni.

Gli shampoo antipulci non sono molto utili perché hanno una limitata attività residuale, mentre l'antiparassitario in spray va applicato su ogni parte del corpo, frizionato e lasciato asciugare in maniera naturale. Un programma completo di controllo delle pulci deve prevedere un efficace trattamento dell'ambiente; bisogna tenere presente che le zone dove le uova e i nuovi adulti delle pulci sono presenti in maggior numero sono quelli dove il cane trascorre la maggior parte del tempo.

Non va dimenticata l'applicazione di una giusta prevenzione,evitare che i gatti conviventi possa-no uscire veicolando altre pulci in ambito domestico e trattare ogni animale mensilmente durante tutto l'anno con prodotti idonei.

Photo Gallery