II Natale con cane e gatto

natale_con_il_caneII Natale con cane e gatto è necessario osservare regole specifiche per la sicurezza in casa.

II Natale è probabilmente un grande mistero per i nostri amici a quattro zampe: le case si colorano all'improvviso di addobbi e decorazioni, le strade s'illuminano di lucine scintillanti e variopinte e ovunque si respira una certa atmosfera.

Il nostro micio o il nostro cane non si domanderanno quali regali potranno fare ai loro amici oppure dove andranno in vacanza, tuttavia è quasi impossibile che non siano coinvolti nell'atmosfera generale di festa; un regalo, di per sé, non potrà mai fare la felicità dei nostri compagni a quattro zampe, questo perché la prima cosa di cui hanno bisogno i nostri pet è che la loro famiglia adottiva si comporti in modo da rispettare sempre le loro esigenze etologiche.

I quattrozampe vivono nelle nostre case condividendo i nostri spazi e le nostre abitudini come veri membri della famiglia, il migliore regalo sarà quello di darci da fare per diventare dei padroni sempre più consapevoli. E' quindi necessario osservare alcune regole specifiche che mettono in sicurezza non solo l'albero o il presepe, ma anche cane e gatto, che potrebbero distruggere, ingoiare e farsi male con decorazioni e luci decorative.

La distruzione dell'albero è un gioco che può rivelarsi piuttosto pericoloso, quindi è meglio imparare ad addobbare la casa con degli oggetti adatti.

Il presepe deve essere preparato in un luogo non accessibile ai cani, che sarebbero altrimenti tentati di rubare le statuine e portarle in giro per la casa; in ogni caso, preferite le statue grandi, che non possono essere ingerite accidentalmente.

L'albero deve essere posizionato in un luogo sicuro, mensole e ripiani non vanno bene, perché i gatti sono fortemente attratti dalle postazioni in alto per il controllo di tutta la casa; meglio un albero posto direttamente sul pavimento e con una base solida e sicura, che non possa essere rovesciato, se possibile assicurarlo ai mobili o al soffitto con del filo da pesca.

Gli alberi veri sono decisamente più pericolosi di quelli finti, perché gli aghi potrebbero conficcarsi negli occhi o nella pelle, oppure essere ingeriti e causare delle lesioni interne; inoltre l'odore naturale degli alberi veri rappresenta un'attrattiva molto forte e difficilmente gli animali di casa riusciranno a starne lontani.

Scegliere solo decorazioni sicure, evitare quelle in vetro e quelle con piccole parti che potrebbero staccarsi, al loro posto preferire quelle fatte in stoffa, feltro, nastro, cartone, oppure le palline di plastica grandi abbastanza da non essere ingerite.

Evitare anche i festoni e le ghirlande luccicanti, perché attirano molto l'attenzione dei gatti, soprattutto non utilizzare ganci metallici: sostituirli tutti con filo, spago e nastrini; no anche alla neve artificiale, altamente tossica se ingerita.

Nascondere i fili elettrici, soprattutto se in casa ci sono cuccioli, particolarmente abili ed esperti in fatto di rosicchiamento, è consigliabile far passare i fili dentro i tubi appositi per proteggerli e quando uscite da casa, assicurarsi sempre di aver scollegato i cavi dalla corrente elettrica.

Durante le feste dobbiamo evitare, inoltre, che il cane o il gatto s'imbatta in dolciumi lasciati incustoditi, per risparmiargli indigestioni, diarrea, vomito e problemi metabolici; in casi gravi, infatti, si possono incorrere in vere e proprie intossicazioni, qualora dovessero ingerire cioccolato o altri alimenti dannosi in eccessive quantità in rapporto al loro peso.

Anche alcune tipiche piante natalizie possono nascondere non poche insidie, essendo tossiche per l'animale. Nello specifico bisogna evitare che il cane ingerisca: Agrifoglio (Ilex sp), che potrebbe causargli sintomi come vomito e diarrea; Amaryllis (Amaryllis spp) potrebbe causargli tremori, diarrea, perdita di appetito e salivazione eccessiva.

Cactus di Natale (Schlumbergera) può provocare vomito e diarrea se il cane ne ingerisce in quantità elevate; Stella di Natale (Euphorbia) può irritare la bocca del cane, lo stomaco e talvolta provo care vomito intenso; Vischio (Ph oradendron spp), anche in questo caso dopo l'ingestione il cane può manifestare vomito e diarrea, possono insorgere difficoltà respiratorie e tachicardia.

E se a Natale vogliamo fare un gesto davvero bello, è possibile adottare a distanza un cane randagio rinchiuso in un canile.

Photo Gallery