Cucciolo, consigli educativi

cuccioli_consigliCucciolo, consigli educativi Va iniziato un programma di addestramento fin da piccolo Ecco alcune importanti regole da seguire quando in casa arriva un pet Fondamentale saperlo educare adeguatamente.

Il cane è probabilmente l'unico animale sulla terra capace di amare incondizionatamente con tutto il suo cuore, corpo e anima; sono molte le storie di cani che salvano vite umane, che intuiscono pericoli imminenti o sembrano sapere quando i loro padroni sono malati o in difficoltà.

Quando arriva un cucciolo in casa, arriva un amico leale che godrà della nostra compagnia, che sarà sempre al nostro fianco, ma bisognerà anche saperlo educare adeguatamente, cominciando con un programma di addestramento quando è ancora piccolo. Se il cucciolo ha un luogo comodo per stare, è meno probabile che voglia occupare il vostro; i cani giovani sono particolarmente esuberanti e non esiteranno a dimostrarlo.

Quando salta su di voi o su qualunque altra persona, bisogna prendergli le zampe anteriori e posarlo a terra, dicendogli contemporaneamente "No". Un deciso diniego accompagnato da un battito delle mani gli indicherà il suo errore, basta insistere e il cucciolo imparerà rapidamente. Se il cucciolo abbaia in vostra assenza, i vicini di casa ben presto ve lo faranno sapere, le loro lamentele saranno più che giustificate; bisogna cercare di togliere questa brutta abitudine finché si è in tempo di farlo.

Bisogna fingere di uscire restando in silenzio fuori dalla porta, molto probabilmente il cucciolo comincerà ad abbaiare e ululare non appena crede di essere rimasto solo. Bisogna gridare "No" per farlo tornare rapidamente al suo posto, rimproverandolo e dimostrando grandi segni di disapprovazione. Poche lezioni come questa, prima che questa abitudine si consolidi, gli faranno capire che l'unico risultato che può ottenere abbaiando è un padrone arrabbiato.

Un cucciolo si sente ansioso di provare i suoi nuovi denti su qualsiasi cosa e se morde un oggetto che non gli è permesso mordere, bisogna mostrare immediatamente la nostra disapprovazione dicendo fermamente "No", togliendogli l'oggetto proibito. La cosa migliore per soddisfare questa necessità di mordere è dargli un oggetto adeguato; nei negozi di animali si possono trovare prodotti di materiali va, ri, progettati per soddisfare la necessità di mordere, sono sicuri ed efficaci, in una gran varietà di forme e dimensioni, per il divertimento del cucciolo.

Quando il cucciolo morde i suoi oggetti va accarezzato e lodato ripetutamente. Importante, inoltre, insegnare al cucciolo come comportarsi quando cammina con un guinzaglio, dovrebbe portare sempre il collare, anche dentro casa, in modo che quando uscirà per fare il giretto, non lo trovi come qualcosa di strano. In casa, come esercizio, si lega il guinzaglio al collare e si lascia abituare il cucciolo, che lo trascina per la casa, ci gioca, in modo che non lo veda come un elemento fastidioso o strano, ma come un gioco divertente.

Quando poi arriva il momento di uscire a passeggio, non bisogna dimenticare di varcare la soglia di uscita prima del cane, per confermare il ruolo di leader del branco, poi si dovrà camminare insieme sempre vicini. Non permettere che tiri il guinzaglio e quando lo fa richiamarlo con fermezza, fermarsi e accorciarlo, in modo che non abbia molto margine per muoversi. Col tempo il cane imparerà anche senza guinzaglio rimanendo vicino ovunque si vada.

Successivamente è possibile usare un guinzaglio allungabile di alcuni metri e far si che il cucciolo si diverta andando in giro, per poi chiamarlo: se risponde va accarezzato e premiato con uno snack o con qualcosa a lui gradito, per poi farlo tornare a giocherellare ripetendo la chiamata a intervalli.

Se rifiuta di obbedire al richiamo, bisogna ripetere l'ordine e dare una buona tirata al guinzaglio e se tenterà di resistere, continuare a ripetere l'ordine fino a convincerlo ad avvicinarsi e qui va premiato.

Per male che si comporti il cucciolo non va mai sgridato quando si avvicina, in quanto deve pensare che ogni volta che gli si dice "Qui", gli succederà qualcosa di buono.

Photo Gallery