Lupino del Gigante ( Luvin )

Lupino_del_GiganteLuvin è il nome con cui i vecchi dell'Appennino reggiano hanno sempre chiamato questi splendidi animali, che vengono adoperati per lo spostamento di mandrie e greggi in zone impervie e montane.

Da un ceppo iniziale Luvin, a volte succedeva che le cagne in estro si accoppiassero con lupi selvatici dando alla luce cuccioli intelligenti e più resistenti; questi incroci ridavano vigore alla razza e quindi furono apprezzati e incrociati fino a una loro assimilazione.

Con la scomparsa della pastorizia il numero dei cani diminuì sensibilmente, e ne rimasero pochi esemplari i quali presero il nome dalle vallate in cui erano ancora presenti. Si tratta quindi di una razza autoctona del territorio montano dell'Appennino Reggiano, le cui testimonianze tradizionalmente tramandate nei secoli dai pastori la fanno risalire indietro di un millennio.

II Luvin non è una razza con caratteri standard ben definiti, anche se alcune caratteristiche sono inconfondibili sia a livello fisico che comportamentale. Viene utilizzato come da lavoro, da compagnia e da guardia.

Cane rustico di media taglia, leggermente allungato, agile e solido, armonico, sia a pelo corto che lungo; la tipicità del Cane Lupino del Gigante che lo fa rassomigliare alla specie selvatica dei lupo grigio della sottospecie appenninica, storicamente trasmessa dalla plurisecolare selezione funzionale spontanea naturale, circoscritta alla delimitata area d'origine.

Lupino_del_Gigante_2 Molto affettuoso con i bambini, è giocherellone ed estroverso fino ai due anni, età di quando matura completamente; è molto riflessivo ma al comando diventa irruento, soprattutto il maschio che è territoriale.

In famiglia generalmente si affeziona a una sola persona che reputa il suo capo branco, mentre agli altri familiari riserva un rispetto pari quasi all'indifferenza; tra consimili tende a creare un legame di coppia tra maschio e femmina.

Sono ammessi tutti i colori e loro combinazioni, il più caratteristico e diffuso è quello classico lupino, con presenza di nero più o meno distribuito, talvolta anche con tracce blu merle; può essere unicolore bianco o nero, ma anche marrone, rossiccio, rame, grigio, arancio, cenerino, avorio e ogni altra tonalità e sfumatura; il pluricolore può essere tigrato e con ogni altra combinazione, senza o con bianco su muso, collare, petto e arti. Altezza al garrese: maschi da 52 a 58 cm, femmine da 48 a 54 cm; peso: indicativamente compreso tra i 20 e i 30 kg.

Photo Gallery