Leone Lodi (Soresina, 1900-1974)

leone lodiLeone Lodi (Soresina, 1900-1974)
Leone Lodi nacque a Soresina in provincia di Cremona il 14 ottobre del 1900. Il padre, artigiano del marmo, si era sposato con una insegnante originaria di Biasca nel Canton Ticino, dove Lodi trascorse parte della sua infanzia.

A nove anni venne affidato dai genitori ai cugini di Soresina, affinché lo avviassero alla professione dello scalpellino. Giovanissimo, nel 1914, iniziò ad esercitare a Milano, dove nel frattempo si era stabilito abitando prima in Corso Sempione, poi in via Alzaia Naviglio.

Dopo la prima guerra mondiale continuò la sua attività di artigiano decoratore a Milano, frequentando al contempo i corsi serali dell'Accademia di Brera e quelli della Scuola Superiore d'Arte Applicata del Castello Sforzesco, presso cui in seguito insegnò per alcuni periodi, avendo come maestri, tra gli altri, Angelo Colombo, Alfredo Sassi ed Eugenio Pellini.

In questi stessi anni cominciò a farsi conoscere come riproduttore e sbozzatore presso gli ateliers di importanti scultori milanesi, primo fra tutti Adolfo Wildt, alla cui memoria rimase sempre affezionato. Ben presto arrivarono anche i primi riconoscimenti per la sua opera: nel 1924 vinse il Premio Sarfatti con il gesso Figura muliebre che possiamo considerare la sua prima scultura autonoma grazie ad un tono classicheggiante che mitiga il primitivismo dei precedenti pezzi e nel 1926 una sua opera venne segnalata ad un concorso del Comune di Milano.

L'avvicinamento a Novecento italiano, movimento guidato da Margherita Sarfatti, già ravvisabile nelle prime opere, sfociò nel 1929 nella partecipazione alla Seconda Mostra del gruppo allestita al Palazzo della Permanente di Milano con il Busto di Agnoldomenico Pica, architetto a cui fu molto legato sia per un lungo rapporto di collaborazione sia per una profonda amicizia.

Cominciarono dalla fine degli anni '20 le prime commissioni di sculture destinate a palazzi situati in zone centrali di Milano come il palazzo di via Meravigli, 3 o quello di via Caradosso, 16. Fin dal 1931 fu membro della Commissione tecnico Artistica Cimiteriale di Milano incaricata di giudicare i progetti inerenti ai cimiteri milanesi e nel 1939 venne eletto a far parte della Commissione Artistica Annuale della Permanente (Presidente il Conte Giovanni Treccani degli Alfieri): incarichi importanti e di grande prestigio che dimostrano quale fosse la sua reputazione e posizione all'interno dell'ambiente artistico del periodo.

A partire dagli anni Trenta collaborò con architetti quali Giuseppe Pagano, Agnoldomenico Pica, Giulio Minoletti o Eugenio Faludi che con le loro creazioni apportarono importanti contributi al nuovo stile razionalista. Il culmine della sua attività è segnato dalla statuaria monumentale per il palazzo della Borsa di Paolo Mezzanotte (a Lodi si devono infatti gli altorilevi La terra e Il fuoco e i gruppi L'aria e L'acqua, collocati rispettivamente alla base e alla sommità delle colonne centrali e probabilmente uno dei due trofei che decorano le estremità del timpano); dallo scambio dialettico con l'architetto Agnoldomenico Pica per il concorso per le porte del duomo di Orvieto e per il monumento a Giuseppe Grandi a Milano; dalla collaborazione con Mario Sironi in occasione della V Esposizione triennale di arti decorative di Milano del 1933.

La monumentalità da sempre insita nello stile di Lodi era allora in perfetta sintonia con la via eroico-popolare sostenuta da Sironi, e le sue opere, partecipando alla fusione di tutte le arti plastiche allora auspicata, divennero l'esempio di un linguaggio perfetto, che assolveva alle necessità comunicative dell'arte degli anni Trenta. Il periodo di intenso lavoro è completato dal rapporto con Don Portaluppi, parroco della chiesa milanese di Santa Maria del Suffragio, per la quale realizzò, in tempi diversi, varie opere (nella foto Mater Misericordiae del 1933), e da quello con il commendatore Marinotti, che gli commissionò sculture per gli stabilimenti di Torviscosa e per luoghi privati.

Nel 1937 con il bassorilievo per l'Exposition Universelle di Parigi si inaugura uno stile più nuovo e più autentico, ma senza cesure rispetto al passato, che nasce da una rivisitazione personale della scultura classica. Fanno parte di questa fase anche il monumento ai caduti di Bergamo, oggi distrutto, i rilievi per la sede del "gruppo rionale Fabio Filzi", per il nuovo Palazzo di Giustizia progettato da Marcello Piacentini (1938) e per la nuova sede dell'Università Bocconi di Milano di Giuseppe Pagano (1940).

Nel 1943, a seguito della perdita della casa e dello studio di Milano a causa dei bombardamenti, Lodi si trasferì a Soresina, suo paese natale, dove continuò ad operare sia per Enti Pubblici sia per privati e dove divenne un riferimento fortissimo sia come maestro per i giovani artisti della zona sia come patrocinatore di iniziative ed eventi culturali. Tra le opere più importanti di questo periodo si possono ricordare i monumenti ai caduti realizzati per molte città del cremonese (nella foto Monumento ai caduti per la Libertà, Soresina, 1958), il progetto della facciata del Cimitero di Soresina e la serie di sculture per il Teatro Manzoni di Milano .

Morì il 13 settembre 1974 a Soresina, nel cui cimitero riposa.

Maggiori informazioni : http://www.scultura-italiana.com

Photo Gallery