Osservatorio Astronomico di Soresina

imageL'Osservatorio Astronomico
Pubblico è aperto ogni sabato sera, dalle ore 21.15 alle ore 23.30,
con ingresso libero e gratuito per osservazioni del cielo con i telescopi (in caso di tempo favorevole).

Indirizzo: Via Matteotti, 4 26015 Soresina (CR)
E-mail: info@osservatoriosoresina.it
Telefono Osservatorio: +39 0374 343722
Telefono Direttore: +39 338 1169422
Sito : http://www.osservatoriosoresina.it

L'osservatorio astronomico Continua la sua attività nel campo didattico ospitando numerose scolaresche. L'osservatorio astronomico di proprietà comunale è stato inaugurato nel 1974 ed è gestito dal Gruppo Astrofili.

Dotato di un potente telescopio riflettore di 380 mm combinato con un telescopio rifrattore di 150 mm, la specola di circa 4 metri si trova alla sommità di una torre alta 20 metri.

specolaDotato di una particolare macchina fotografica digitale per fotografie astronomiche, la Camera CCD "Starlight Xpress MX7-C", ciò che di meglio il mercato può offrire per l'astronomia amatoriale, e un potente software per l'elaborazione delle immagini.

Tutto ciò permette di effettuare con nitidezza riprese di particolari di oggetti celesti molto lontani come le nebulose. Fra i primi realizzati in Italia a scopo didattico e divulgativo, è settimanalmente aperto al pubblico per visite serali.
Posto nel centro storico della città, Nella sala d'ingresso è ospitata una raccolta di rari minerali e fossili unica nella zona.

Ai piani superiori si trovano la sala Multimediale per gli incontri con le scolaresche e i gruppi di studio, il centro elaborazione dati ed il laboratorio fotografico per lo sviluppo immediato delle fotografie scattate ai telescopi. Inoltre sono esposte fotografie di oggetti celesti e di antichi telescopi.

Nella specola infine gli strumenti principali costituiti da tre telescopi, un riflettore e due rifrattori.


Galileo Nasce a Pisa il 15 febbraio 1564 da famiglia abbastanza agiata. Il padre è il musicista Vincenzo Galilei, la madre Giulia degli Ammannati. Galileo studia letteratura e logica a Firenze dove si trasferisce con la famiglia nel 1574.

Nel 1581 entra nella facoltà di medicina dell’Università di Pisa, ma con interesse molto relativo. Lasciata l’università pisana ritorna a Firenze. Qui inizia a sviluppare una vera passione per la meccanica, costruendo macchine complesse e approfondendo la matematica. Si avvicina alla fisica sotto la guida di Ostilio Ricci.

Un sito ricco di informazioni: http://www.astronomia.com

Photo Gallery