Gli incidenti domestici

Una prudente gestione della casa e la cura dei punti più esposti a rischi aiutano a evitare situazioni dai risvolti talvolta drammatici. Vediamo allora quali sono i 'punti deboli' di una casa e cosa fare per prevenire gli eventuali incidenti a essi correlati.


L'impianto elettrico: La sicurezza in questo campo viene sia da un impianto realizzato da personale competente, e secondo le norme antinfortunistiche, sia da semplici regole di comportamento e di prudenza.
"Chi più spende meno spende", recita un antico proverbio.

E voi tenetene conto accertandovi che venga utilizzato materiale della migliore qualità, soprattutto cavi elettrici, interruttori e prese di sicurezza. Gli incidenti più pericolosi legati all'elettricità sono quelli che si verificano in bagno.

L'acqua, che come è noto è un ottimo conduttore di corrente, può favorirne il passaggio sul corpo umano provocando la morte istantanea. Tenete dunque qualsiasi apparecchio elettrico lontano dall'acqua e, se nel vostro bagno non c'è termosifone, fissate la stufa elettrica al muro in un punto lontano dalla vasca, dalla doccia e dal lavandino.

Analogamente, lontani da questi devono essere installati interruttori e prese di corrente.
E attenzione all'asciugacapelli! Non usatelo mai con le mani bagnate o, peggio ancora, se siete immersi nella vasca da bagno.

In ogni caso, gli interruttori di sicurezza noti anche come 'salvavita' possono scongiurare i diversi tipi di pericolo connessi all'elettricità.


E quello a gas: Un impianto realizzato nel rispetto di tutte le procedure di sicurezza, e tenuto costantemente sotto controllo, è già indice di una buona prevenzione. Tra l'altro, l'odore caratteristico del gas consente di individuare qualsiasi tipo di perdita e quindi di correre ai ripari.

Ovviamente non avvicinatevi mai al tubo dal quale ritenete ci sia una fuga di gas con una candela o un fiammifero accesi: se la fortuna non è dalla vostra, come è facile che sia, rischiate di saltare per aria! Chiedete invece l'immediato intervento di un esperto e, nell'attesa, ricordatevi di chiudere il rubinetto del contatore, spalancate porte e finestre ed evitate di accendere qualsiasi cosa, sigaretta compresa.

Se avete stufette a gas, non lasciatele mai accese per ore in ambienti chiusi. La mancanza di ossigeno e la presenza di anidride carbonica prodotta dalla combustione del gas potrebbero provocare morte per asfissia.


Porte, finestre e balconi: Ilvetro di una porta o di una finestra, se malauguraramente va in frantumi, è molto pericoloso perché i frammenti taglienti possono provocare ferite anche gravi a chi ne viene investito (ferite che interessino un'arteria importante possono addirittura essere mortali).

Soprattutto se in casa ci sono bambini, applicate su porte e finestre vetri infrangibili; se invece non siete in grado di affrontare una simile spesa, mettete sui vetri esistenti strisce di nastro adesivo alto almeno tre o quattro centimetri, in modo da formare un reticolo che trattenga i frammenti di vetro in caso di rottura.

I balconi, ritenuti tra i punti più pericolosi di una casa, necessitano di particolari attenzioni e manutenzioni.
Se sono troppo bassi applicate delle inferriate, possibilmente con sbarre verticali e lisce per evitare che i bambini vi si arrampichino.

Anche i parapetti, se costruiti con mattoni forati, se esposti direttamente alla pioggia e se di vecchia data, sono poco sicuri.
Col tempo possono diminuire la loro resistenza all'urto e al peso e cedere.

Photo Gallery