Il frigorifero

E' l'elettrodomestico del quale non si può fare assolutamente a meno, perché consente di conservare qualsiasi tipo di alimento. Presente ormai in tutte le case, il frigorifero è diventato un aiuto prezioso soprattutto per le donne che lavorano fuori casa e che, avendo poco tempo per fare la spesa, possono fare una grossa provvista ogni tanto e affidare la custodia dei loro alimenti a questo elettrodomestico.


Una scelta oculata Oggi esistono in commercio frigoriferi sempre più perfezionati e in grado di offrire prestazioni ad altissimo livello. Se dovete cambiare il vostro vecchio frigorifero e acquistarne uno nuovo, ecco alcune cose da sapere sulle sue caratteristiche, sul suo funzionamento, sui modelli proposti dai rivenditori e sui rispettivi prezzi.

Per prima cosa prendete nota delle misure e dello spazio che avete a disposizione.
Le dimensioni variano enormemente: dai più piccoli (i minifrigoriferi), che potete appoggiare su un ripiano o sistemare sotto il piano di lavoro, a quelli medi, a quelli giganteschi a tre porte con fornitura di cubetti di ghiaccio e acqua gelata.

Le altezze (85, 120, 140, 160, 170, 185, 190 cm), in particolare, che offrono maggiori possibilità di allineare l'elettrodomestico ai mobili della cucina. È utile anche sapere che tutti i frigoriferi richiedono una buona aerazione per il motore, quindi è necessario prevedere uno spazio di circa 10 cm tra l'apparecchio e il muro cui lo si vuole appoggiare.

Prendete in considerazione anche la capacità in litri: per darvi un'idea sappiate che in genere una famiglia di quattro persone necessita di un frigorifero di almeno 240 litri.

Non trascurate le prestazioni: esistono apparecchi che svolgono solo la funzione di frigorifero (conservare i cibi), altri che hanno uno scomparto apposito per la congelazione (il freezer) e altri noti come 'combinati' ormai i più usati che assommano le due funzioni.

Se possedete un congelatore, comperate un frigorifero senza freezer: avrete più spazio per conservare i prodotti freschi.

Fate attenzione alla strutturazione dello spazio interno: molte volte semplici ripiani spostabili sono più utili di scomparti `specializzati'.

• Scegliete un frigorifero a sbrinatura automatica perché vi consente di risparmiare tempo.

• Scegliete un modello con due compressori distinti, uno per il frigo e l'altro per il congelatore, perché se uno si guasta, l'altro continua a funzionare. Col bimotore, inoltre, si può risparmiare energia perché, quando ci si allontana da casa per un lungo periodo. è possibile tenere in funzione solo il congelatore.

• Controllate che la controporta sia sufficientemente accessoriata. Per esempio, abbia balconcini per le bottiglie, contenitori per le uova ecc.

• Se scegliete un modello con erogatore dell'acqua ghiacciata, sappiate che è molto più costoso e che per l'installazione è indispensabile l'intervento di un idraulico.

• Se abitate in località molto calde, potete scegliere frigoriferi `tropicalizzati' che garantiscono una conservazione perfetta degli alimenti anche con temperature ambiente fino a 38 °C.

• Per quanto riguarda i prezzi, quelli relativi alla produzione nazionale sono più o meno standardizzati.
I frigoriferi di importazione spesso hanno costi maggiori. E importante invece sapere che alcuni rivenditori ritirano l'usato (il vostro vecchio frigorifero) e che il costo del trasporto è incluso nel prezzo in un raggio di 20 chilometri, mentre, per distanze superiori, mediamente, si aggira sulle "700 euro."



Se trattato bene rende meglio Ecco alcune regole importanti per usare nel modo migliore il frigorifero.

• Abbiate cura di non riempirlo troppo: un frigorifero strapieno rende poco e non consente all'aria di circolare al suo interno.

• Collocatelo lontano da eventuali fonti di calore quali calorifero, cucina a gas, scaldabagno ecc.

• Non tenete troppo a lungo la porta aperta per evitare che diminuisca il rendimento, a scapito della conservazione dei cibi, e che vi siano inutili sprechi di energia.

• La porta è la parte più delicata del frigorifero; pertanto non inserite nulla a forza nei suoi scomparti.

• Se il vostro apparecchio on è a sbrinatura automatica, sbrinatelo regolarmente (quando il ghiaccio che si è formato nel freezer o nell'apposito scomparto ha raggiunto il mezzo centimetro di spessore).
Pulite poi l'interno del frigorifero con acqua e aceto o bicarbonato, oppure con un blando detersivo.


PICCOLI LAVORI DI MANUTENZIONE

• Per sostituire la guarnizione che sigilla la porta del frigorifero, allentate le viti della parete interna della porta medesima e asportate la gomma che sostituirete con quella nuova, facilmente reperibile presso i negozi di ricambi per elettrodomestici. Per verificare la tenuta della nuova guarnizione, appoggiate una lampadina tascabile accesa con il fascio di luce rivolto verso l'esterno sui ripiani interni del frigorifero e, dopo la chiusura, controllate che non si intraveda alcuna lama di luce.

• Nei modelli a sbrinatura automatica, l'acqua, mediante un foro, passa in un recipiente posto sopra il compressore che la riscalda lasciandola evaporare. Se si verifica un accumulo di acqua sul fondo del frigorifero, togliete la guarnizione in gomma posta attorno al foro, liberatela degli eventuali residui e sciacquatela bene sotto l'acqua corrente, quindi riponetela al suo posto.

• Se si è formata della ruggine attorno ai bordi della porta, svitate e asportate la porta medesima, eliminate la ruggine con carta vetrata, quindi verniciate con pittura in bomboletta spray.



COME INTERPRETARE LE STELLE DEL FREEZER
Il freezer ha la funzione di conservare i prodotti surgelati per un periodo più o meno lungo, a seconda del numero di stelle che compaiono impresse sulla parte interna della porta. Ecco come leggerle.

• Tre o quattro stelle: si raggiungono i -18 °C. Il prodotto surgelato può essere conservato fino alla data indicata per legge sulla confezione.

• Due stelle: la temperatura non supera i -12 °C. I surgelati devono essere consumati entro 30 giorni dall'acquisto.

• Una stella: la temperatura non supera i -6 °C. Il prodotto surgelato va consumato entro una settimana.

Nello scompartimento del ghiaccio, se non ci sono stelle, i surgelati vanno consumati entro 3 giorni.
Negli altri reparti del frigorifero vanno invece consumati in giornata.

Photo Gallery