3) CURE SPECIFICHE PER I BAMBINI con il Carciofo

Attenzione: Per quanto siano attendibili le informazioni, consigliamo sempre Cautela, non fate niente di testa vostra, prima di ogni iniziativa consultate il vostro medico o erborista.
 

Il Carciofo
carciofo
Per la Crosta lattea.
Eczema crostoso e squamoso che insorge sulla fronte dei neonati.
Cura esterna:in g 400 di acqua bollire per 15 minuti g 40 di foglie tritate, quindi filtrare e fare impacchi tiepidi sulla parte con pezze di lino, rinnovandoli ogni ora.
Cura esterna:in una pezza di lino mettere g 40 di foglie tritate e mescolate con il succo di mezzo limone, quindi applicare sulla parte per circa mezz'ora.

Note dietetiche.
II carciofo è universalmente conosciuto e apprezzato per il suo alto contenuto di ferro che lo rende prezioso per tutti coloro che soffrono di disfunzioni epatiche, anemia, rachitismo.

In genere viene mangiato cotto, ma va ricordato che esplica le sue proprietà specie se è consumato crudo in insalata, condito con olio d'oliva, volendo unito ad altre verdure.

Le proprietà dei carciofo
La natura ci dà spontaneamente, nella sua costante e silenziosa opera benefica, moltissimi mezzi, sia per mantenerci in buona salute che per curarci dai malanni.

Oggi più che mai la scienza sta cercando di ricavare dalle piante quei principi attivi per i quali i vegetali venivano un tempo usati empiricamente con ottimi risultati. La natura è ricchissima di prodotti terapeutici: fra i primi in ordine d'importanza il carciofo.

La Cynara cardunculus della famiglia delle Composite Tubuliflore è una pianta erbacea, alta circa un metro, con fusto scanalato entro cui scorre un lattice acre. Ha foglie molto lunghe, spinose, di colore verde cenere e grossi fiori a capolino costituiti da larghe squame dure esternamente e man mano più tenere e piccole all'interno.

Il carciofo è coltivato in quasi tutta l'Europa e in molte parti dell'America; in Italia cresce nelle parti più calde, dove ci sono terreni profondi e soffici. Viene largamente usato in cucina, perché è un ortaggio di buon sapore: si mangia crudo, condito con olio e sale. o cotto variamente preparato.

Per la sua utilità fitoterapica il carciofo è tanto noto quanto apprezzato. La parte più usata sono le foglie, che maggiormente contengono, oltre a inulina ed enzimi, un principio attivo detto cinarina, che ha azione diuretica e favorisce la secrezione biliare delle cellule del fegato.

Esercita un'azione salutare nelle forme itteriche croniche e nelle varie manifestazioni di insufficienza epatica, principalmente la stitichezza e l'oliguria. Il succo resinoso che scorre nel fusto ha un'azione astringente e febbrifuga.

Da ormai tantissimo tempo questo ortaggio è conosciuto per le sue proprietà aperitive e digestive e a questo scopo è stato sempre usato, nella medicina popolare, con ottimi risultati.

La moderna fitoterapia, che tende oggi a rivalutare tante erbe dimenticate, non poteva scordarsi di questo prezioso vegetale.
Fonte : Blog italiani
 
Curarsi con la carotaCurarsi con il CavoloCurarsi con le erbe

Photo Gallery