Giardiniera alla piemontese

Giardiniera alla piemonteseGiardiniera alla piemontese
Tempo di preparazione: 15 minuti.
Tempo di cottura: mezz 'ora.

Ingredienti per 4 :

350 grammi di patate novelle (piccolissime),
Due carote novelle,
12 carciofini sott'olio,
8 cuori di lattuga,
Tre mazzetti di ravanelli,
Un decilitro di olio d'oliva,
Il succo di un limone,
Sale.


Preparazione:

Fate lessare, per 25 o 30 minuti, in una casseruola con abbondante acqua leggermente salata, le patate; scolatele e pelatele.

Pulite intanto le carote e fatele lessare in un'altra casseruola; appena saranno cotte scolatele e tagliatele a rondelle sottili.

Sbattete in una ciotola l'olio con il sale e il succo di limone sino ad ottenere una salsetta omogenea. Pulite e lavate i cuori di lattuga e i ravanelli, asciugateli e sistemate i cuori di lattuga al centro di un piatto rotondo di portata e affettate sottilmente i ravanelli.

Disponete a raggiera intorno alla lattuga le varie verdure, alternandole in modo da ottenere un gradevole effetto cromatico e condite il tutto con la salsetta appena preparata.

Questa giardiniera è un ottimo contorno a fette di arrosto freddo o a pollo lessato.


Note - Consigli - Varianti :

Le Verdure. Con questo nome si intende genericamente l'insieme degli ortaggi da foglia o da fusto più o meno colorati in verde per la presenza di clorofilla.

Per citare qualche esempio, sono «verdure» gli asparagi, i carciofi, i finocchi, le varie insalate, ecc.
In cucina però le distinzioni sono molto vaghe (in una zuppa di verdura, per esempio, si usano anche patate, pomodori, melanzane, ecc., e cioè vegetali di colori diversi).

Gli stessi elementi, in ristorante, vengono chiamati con il termine improprio di «legumi» se si servono come guarnizione. Le verdure possono essere fresche, oppure conservate: quasi tutte si prestano alla surgelazione e alcune ad essere liofilizzate o essiccate.

Photo Gallery