Gallette ligure

Gallette_ligureGallette ligure
Tempo di preparazione: mezz'ora.
Tempo di riposo: mezz'ora.

Ingredienti per 4 :

4 pomodori grossi affettati,
Un peperone tagliato a julienne,
300 grammi di lattuga a strisce,
6 foglie di basilico fresco tritate,
Uno spicchio d'aglio,
Due cucchiai d'aceto,
Un quarto di litro di olio,
4 fettine di musciame (o di bottarga),
Tre gallette da marinaio,
Sale.


Preparazione:

Strofinate le gallette dalle due parti con lo spicchio d'aglio e disponetele in una terrina con un cucchiaio d'aceto e poca acqua fredda.

Lasciatele per dieci minuti o più; quando saranno bene imbevute toglietele e premetele una per una fra due salviette, in modo da asciugarle un poco.

Dividete ogni galletta in quattro parti che disporrete in un'insalatiera, versandovi sopra un cucchiaio di buon olio d'oliva.

Condite ogni verdura separatamente con l'olio e l'aceto rimasti e salate leggermente; disponete, alternandole, le varie qualità sulle gallette già preparate. Cospargete infine con basilico tritato.

Sull'insalata così preparata disponete le fettine sottili di musciame (o di bottarga). L'insalata va lasciata riposare in luogo fresco (ma non nel frigorifero) per mezz'ora, prima di servire in tavola.


Note - Consigli - Varianti :

Questa ricetta viene preparata in numerose varianti: ad esempio, nella Liguria di Ponente spesso si eliminano le gallette e si aggiunge all'insalata qualche acciuga tritata e olive nere snocciolate che danno alla preparazione un gusto più, saporito.


Le olive vengono raccolte quando raggiungono il punto giusto di inolizione, di contenuto antiossidante e di proprietà organolettiche.

Nel sud Italia, il periodo di raccolta soprattutto è tra novembre e dicembre (ma per alcune si arriva sino a gennaio inoltrato) quando raggiungono il massimo delle loro dimensioni e sono ricche di olio.

Le principali varietà di olive provengono dall'Italia, Francia, Grecia, Portogallo, Spagna e medio-oriente. Solo in Italia esistono ben 395 varietà di olive, la maggior parte delle quali hanno una diffusione in ambito regionale.

L’oliva di Gaeta non è nera, come comunemente si crede, ma di colore violaceo, il sapore vinoso, amarostico con sfumature acetiche.

Photo Gallery