Crocchette di patate

Crocchette_di_patateCrocchette di patate
Tempo di preparazione: mezz'ora.
Tempo di cottura: un'ora e 10 minuti.

Ingredienti per 4 :

400 grammi di patate di qualità farinosa,
40 grammi di burro,
1 tuorlo d'uovo e un uovo intero,
Due cucchiai di farina,
Due cucchiai di parmigiano grattugiato,
4 cucchiai di pane grattugiato molto fine,
Abbondante olio per friggere,
Un pizzico di noce moscata,
Pepe bianco,
Sale.

Per guarnire:
Alcuni ciuffetti di prezzemolo.

Preparazione:

Sbucciate le patate, tagliatele in quattro parti e ponetele in una casseruola; ricopritele di acqua fredda salata e fatele lessare.

Appena saranno cotte (dopo un'ora circa) scolatele e rimettetele nella casseruola, su fuoco bassissimo, per alcuni minuti, perché perdano ogni traccia di umidità. Schiacciatele e raccogliete la purea in un'altra casseruola, mettetela sul fuoco basso e aggiungete il burro, sempre mescolando con il cucchiaio di legno.

Togliete la purea dal fornello; quando apparirà piuttosto compatta e liscia, conditela con una presa di sale, di pepe bianco e un pizzico di noce moscata, incorporatevi quindi il tuorlo d'uovo, il parmigiano grattugiato e rigirate più volte l'impasto.

Lasciate intiepidire e quindi formate con il composto tante crocchette, infarinatele dando loro una forma oblunga.

Passatele infine nell'uovo sbattuto, quindi nel pane grattugiato e fatele friggere nell'olio bollente per pochi minuti lasciandole dorare in modo uniforme, quindi estraetele con la paletta, passatele nella carta assorbente, perché perdano l'eccesso d'unto, e servitele subito ben calde decorate con prezzemolo fresco.


Note - Consigli - Varianti :

È importante che queste crocchette siano fritte in abbondante olio bollente (almeno mezzo litro), perché solo così potranno diventare ben dorate e molto croccanti.


Patata. E una pianta solanacea annua che cresce bene nel clima temperato, dando buoni risultati anche in montagna, fino a 1500 metri. La parte commestibile è come si sa costituita dai tuberi, che si formano assai numerosi sulle radici rizomatose.

Mentre alcune varietà sono più adatte all'uso industriale per la preparazione di alcol o per l'estrazione della fecola, usata anche in cucina, tra le cultivar più diffuse per la produzione alimentare si possono citare la bea, a tuberi oblunghi e pasta gialla; la sirtema a tuberi tondo-ovali, a pasta giallo chiaro, abbastanza resistente alla siccità; la Sieglinde, a tuberi reniformi e appiattiti, ecc.

La conservazione prolungata di tuberi può essere compromessa dalla germinazione durante la quale si verifica la produzione di solanina, un alcaloide velenoso: pertanto i tuberi germinati non debbono essere usati a scopo alimentare.

Si trovano in commercio patate estratte dal terreno a maturazione completa, e patate a sviluppo interrotto, le cosiddette «novelle».

Photo Gallery