Soufflé di indivia belga

Fotografia indivia belgaSoufflé di indivia belga
Tempo di preparazione: mezz'ora.
Tempo di cottura: un'ora.

Ingredienti per 4 :

800 grammi di indivia belga,
Due tazze di béchamel,
Un cucchiaio di farina,
Un pizzico di noce moscata,
Due uova intere,
Sale,
Burro per lo stampo.

Preparazione:

Pulite accuratamente l'indivia scartando le foglie non fresche, lavatela in abbondante acqua corrente e ponetela a cuocere in acqua bollente leggermente salata; l'indivia dovrà essere molto cotta.

Scolatela e strizzatela molto bene, prima di metterla nel passaverdure, in modo da ottenere una purea che porrete in una terrina e lascerete raffreddare.

Unite quindi le due tazze di béchamel, un pizzico di noce moscata e due tuorli d'uovo e lavorate a lungo; montate a neve ben soda gli albumi e unite anche questi al composto. Imburrate uno stampo rotondo da soufflé, cospargetelo con un cucchiaio di farina, capovolgetelo per eliminare l'eccesso e versatevi il composto.

Mettete a cuocere a bagnomaria in forno caldo (200 °C) sino a quando il soufflé sarà ben gonfio e dorato in superficie. Servitelo molto caldo.


Note - Consigli - Varianti :


Verso il 1850 un certo Bréziers, giardiniere capo della Società Orticola di Bruxelles, ebbe l'idea di tentare la coltivazione della cicoria nelle grotte dove si facevano nascere gli champignons.

I cespi, legati e costretti a svilupparsi al buio e coperti di sabbia, assunsero la forma di pigne, con foglie quasi bianche e molto tenere. Diversi anni dopo, quando la nuova insalata cresceva ormai regolarmente, le Halles di Parigi la misero in vendita, battezzandola indivia belga, nome rimasto ancor oggi normalmente in uso, sebbene questo ortaggio sia del tutto diverso dall'indivia vera e propria.

È una verdura gradevole, di sapore poco accentuato, ma che si presta a belle presentazioni, e si adatta ad esser condita in molti modi. Si può anche brasare, gratinare, ecc. Si acquista generalmente in confezioni già pronte e può essere conservata, nel frigorifero, per un giorno o due.

Se utilizzata per insalata, si taglia a rondelle o a striscette. Anche dopo essere stata tagliata si può conservare, se non è condita, in una scatola di plastica a chiusura ermetica (prima si deve sgocciolare bene).

È molto adatta per insalate miste, specie con pomodoro ed erbe aromatiche (rucola, radicchio, ecc.).

Photo Gallery