Fave fresche al guanciale

Fotografia Fave_al_guancialeFave fresche al guanciale
Tempo di preparazione: mezz'ora. -
Tempo di cottura: un 'ora.

Ingredienti per 4 :

Un chilo di fave fresche (romanesche), ancora nel baccello,
100 grammi di guanciale (o di prosciutto crudo) finemente tritato,
Un cucchiaio di strutto o due di olio,
Una cipolla media finemente tritata,
Un bicchiere di brodo,
Sale,
Pepe

Preparazione:

Mettete nel tegame lo strutto, la cipolla, il guanciale e fate rosolare a fuoco lento.
Sgranate e lavate le fave e quando la cipolla sarà imbiondita aggiungete le fave, sale, pepe e il brodo.

Incoperchiate e fate cuocere a fuoco medio per circa 45 minuti. Quindi servite in tavola le fave ben calde.

Le fave romanesche sono più tenere e saporite. Questi sono i quantitativi se si serve la preparazione al posto della minestra; se la si utilizza come guarnizione, è bene limitarsi a mezzo chilo di fave, e far ridurre il fondo di cottura.


Note - Consigli - Varianti :

Le fave romane sono delle leguminose utilizzate da diversi secoli all’interno della tradizione culinaria romana. Esse crescono presso tutta l’area mediterranea.

Le fave fresche vengono consumate in qualsiasi forma nella cucina romana: cotte, crude, in purea, saltate in padella. Indistintamente utilizzate per primi e secondi piatti, le fave vanno consumate fresche, la tradizione vuole che a Roma e nel Lazio vengano mangiate accompagnate da piccoli pezzetti o scaglie di pecorino che ne asalta il gusto, o semplicemente incise e cotte sul fuoco come le catsagne.

Le fave romane sono ottime anche con pane e cipolle, le fave sono spesso inserite in minestre di verdure e come accompagnamento di salumi e formaggi di diverso genere.

Photo Gallery