Carciofi fritti alla spagnola

Fotografia Carciofi_frittiCarciofi fritti alla spagnola
Tempo di preparazione: 40 minuti. -
Tempo di cottura: 35 minuti.

Ingredienti per 4 :

12 carciofi piccoli e teneri,
Due uova,
50 grammi di farina,
Un limone,
Un pizzico di peperoncino in polvere ,
Olio per friggere,
Sale

Per accompagnare:
Alcuni spicchi di limone

Preparazione:

Pulite bene i carciofi togliendo tutte le spine e le foglie esterne più dure e tornite il torsolo con un coltellino bene affilato. Poneteli quindi in acqua acidulata con il succo di un limone perché non anneriscano.

Preparate intanto la pastella sbattendo in una terrina le due uova con il sale ed il peperoncino in polvere, aggiungete quindi la farina e l'acqua necessaria per ottenere una crema piuttosto densa.

Scolate bene i carciofi, asciugateli e lessateli in acqua salata per una decina di minuti (se sono molto piccoli e molto freschi, questa precottura è superflua).

Passateli prima nella pastella, poi nella farina, quindi nuovamente nella pastella e infine nell'olio bollente lasciandoli colorire molto bene da tutte le parti.

Si servono caldissimi accompagnati da spicchi di limone.

La ricetta richiede carciofi molto piccoli, che spesso da noi non si trovano se non in alcune regioni. Se i carciofi sono un poco più grossi potete dividerli tutt'al più a metà, ma non a spicchi.


Note - Consigli - Varianti :

Il carciofo è una pianta erbacea bienne probabilmente derivata dalla selezione orticola del cardo selvatico. Quindi non si rinviene allo stato spontaneo, ma viene abbondantemente coltivata come ortaggio.

Le caratteristiche positive e negative del carciofo Il consumo di questo gustoso ortaggio è assai vantaggioso per il benessere del nostro organismo. Il carciofo è infatti in grado di stimolare la produzione di bile (sostanza liquida prodotta dal fegato) e di migliorare l’attività del fegato.

Il consumo di carciofi (stufati, lessati a vapore, ma le parti più tenere si mangiano anche crude) è utile per tutti coloro che soffrono di digestione difficile, di aumento del colesterolo nel sangue, di arteriosclerosi.

Il carciofo inoltre attiva la funzione depurativa renale. Per via urinaria sono eliminati, tra l’altro,
i residui azotati del metabolismo e il carciofo è quindi utile nella gotta, nelle artrosi e in molte malattie della pelle.

Tra i condimenti ideali per i carciofi, oltre all'olio extravergine d'oliva, troviamo il succo di limone, utile per evitare che i carciofi anneriscano dopo essere stati tagliati. Essi possono essere inoltre preparati al forno e gratinati utilizzando pane secco casereccio grattugiato e pinoli.

Photo Gallery