Le zucche

zucca_alla_venetaLe zucche compaiono sul banco degli ortolani verso ottobre e vi rimangono sino a febbraio circa. Sono di diverse forme e di diverse grossezze.

Dato che dopo tagliata si rovina in fretta, date la preferenza a una zucca piccola. Scegliete un frutto pesante, a pasta color giallo intenso, soda, zuccherina.

Moltissime sono le preparazioni in cui entra la zucca: minestroni, risotti e i tortelli mantovani-emiliani, protagonisti della cena della vigilia di Natale; si cucina fritta, in agrodolce ecc.

Per pulirla basterà togliere i semi e quella specie di barba che è aderente ad essi, quindi con mano leggera togliete la scorza usando un coltellino affilato. Ho detto con mano leggera, perché anche la parte verde è ottima. Si potrà lessare a vapore o no.

Se volete cuocerla in forno, togliete solo i semi (ponete anche questi in forno, dopo averli fatti lessare per una decina di minuti, i ragazzi ne sono ghiotti), poi tagliate la zucca a fette piuttosto larghe e mettetele in forno già caldo (185° circa) sistemandole su una placca.

In questo modo la zucca è, logicamente, più saporita che non lessata.

Photo Gallery