Scampo o scampolo

scampiLo scampo è conosciuto anche con i nomi di: arganello, astracio, rancio di fondo, ranféle e funnale, alifante e funnale, lampito di fangu.

È un crostaceo pregiatissimo e, anche per il prezzo, fa concorrenza all'aragosta; parecchi buongustai lo preferiscono a questa.

È di colore bianco rosato o giallo rosato, sfumato di rosso arancione; come forma ricorda l'astice. Viene venduto sia intero (testa e coda) sia la sola coda, che è l'unica parte mangiabile del crostaceo.

Si cucina in molti modi: fritto, lessato, alla griglia per fare spiedini ecc. Si trova in vendita tutto l'anno, è però da preferire in primavera e in estate.

il periodo ottimale per portare in tavola gli scampi è senza dubbio quello compreso fra i mesi di settembre e aprile perché hanno più polpa e sono più saporiti.

Se li comperate interi, cioè non la sola coda, considerate che avrete uno scarto di circa due terzi del loro peso iniziale. Accertatevi che siano freschissimi, lo capirete perché la carne della coda sarà soda e ben attaccata al busto, cioè non si staccherà facilmente.

Questi crostacei vengono pescati in grandi quantitativi nel Mare del Nord nei pressi delle coste islandesi e della Norvegia. In Italia invece viene pescato nel medio Adriatico e nel Mar Tirreno e generalmente si adoperano reti a strascico.

Gli scampi di maggiori dimensioni sono quelli più costosi ed è possibile trovare questi crostacei a prezzi più accessibili se di provenienza estera soprattutto nelle catene della grande distribuzione. Proprietà nutritiva

Odorandoli, non dovete sentire odore ammoniacale.

Photo Gallery