LA FARAONA ALLA CRETA

La gallina faraona porta questo nome perché pare fosse molto apprezzata ai tempi dei faraoni. Il momento migliore per gustarla è tra i sei e gli otto mesi; dopo l'anno diventa coriacea. Il suo mese migliore è luglio.

La preparazione alla cottura e la legatura sono simili a quelle del pollo. La faraona è ottima cucinata arrosto ma anche con salse diverse, farcita e alla creta, come vi spieghiamo in questa pagina. Per questo tipo di cottura occorre uno speciale recipiente.

Preparazione :

1 - Tenete l'apposito recipiente, in acqua per mezz'ora, in modo che l'argilla assorba una certa umidità per mantenere la carne più morbida. Posate sul fondo alcune fettine di limone. Preparate per la cottura (come spiegato alle pagine 194-195) una faraona di 1,250 kg (per 4 persone).

2 - Spennellate la faraona di olio, cospargetela con polvere aromatica per arrosti o con un trito di aromi freschi misti. Mettete all'interno un mazzetto guarnito ed eventualmente un pezzetto di cipolla e uno spicchio di aglio sbucciato. Legate il volatile, come indicato alle pagine 196-197. Salate leggermente la faraona da entrambe le parti e adagiatela nel recipiente.

3 - Mettete il coperchio e introducete la faraona in forno caldo a 170° e aumentate subito la temperatura a 230°. Cuocete per circa un'ora e mezzo.

Photo Gallery