Totani o calamari in zimino alla genovese

Totani_o_calamari_in_ziminoTotani o calamari in zimino alla genovese
Tempo di lavorazione: 1 ora circa
Tempo di cottura: 1 ora circa

Ingredienti per 4 persone :

bietole kg 1 -
totani o calamari piccoli gr 600 -
prezzemolo gr 30 -
1 cipolla -
1 gambo di sedano -
2 spicchi d'aglio -
salsina di pomodoro -
olio d'oliva -
1/ 2 bicchiere circa di vino bianco secco -
sale - pepe.


Preparazione:

Pulite i totani, tagliateli a listerelle, lavateli molto bene e lasciateli scolare. Mondate, lavate e tritate il prezzemolo, uno spicchio d'aglio, la cipolla e il sedano, mettete il ricavato in un capace tegame con mezzo bicchiere scarso di olio, ponete il recipiente su fuoco moderato e lasciate soffriggere per qualche minuto, quindi unite i totani e continuate la rosolatura irrorandoli di tanto in tanto con il vino bianco, quando è evaporato unite una cucchiaiata circa di salsina di pomodoro sciolta in mezzo bicchiere d'acqua, salate, pepate, e lasciate cuocere a fuoco moderato, ricordando di mescolare di tanto in tanto con delicatezza.

Nel frattempo mondate accuratamente le bietole, lavatele ripetutamente in abbondante acqua quindi tagliuzzatele. Ponete sul fuoco un recipiente con quattro cucchiaiate d'olio e il secondo spicchio d'aglio schiacciato, lasciate soffriggere sino a che si è leggermente colorito, quindi mettete nel recipiente le bietole preparate, salatele, pepatele abbondantemente, mescolatele, incoperchiate il recipiente e lasciatele cuocere a fuoco moderato per circa dieci minuti.

Quando sono cotte unitele ai totani scartando l'aglio, mescolate e lasciate ancora sul fuoco per una decina di minuti circa.

A cottura ultimata accomodate tutto su un piatto da portata che avete precedentemente scaldato; se lo desiderate, circondateli con crostoni di pane fritti o tostati e servite.


Note - Consigli - Varianti :

In questo modo, potete cucinare anche delle seppie.


Calamaro e todaro sono conosciuti anche con i nomi di: caamà, totano gentile, totanessa, trufello, lempete, calamaro verace, calamarielli, calamarìcchiu, toutinu. Anche se possono essere cucinati allo stesso modo, non sono però uguali fra loro. I calamari hanno le pinne unite al sacco circa alla metà di questo e assomigliano, come forma, a un rombo allungato.

Photo Gallery