Calamari in graticola alla spagnola

Calamari_in_graticolaCalamari in graticola alla spagnola
Tempo di preparazione: 20 minuti.
Tempo di cottura: 10 minuti.

Ingredienti per 4 :

4 calamari di media misura (peso totale un chilo circa),
Un limone,
Un quarto di bicchiere di olio,
Due spicchi d'aglio,
abbondante prezzemolo tritato.

Preparazione:

Pulite accuratamente i calamari, eliminate gli occhi, la vescichetta dell'inchiostro e l'osso, nonché il deposito giallastro sotto la testa.

Lavateli in abbondante acqua e asciugateli bene con un canovaccio. Sbattete insieme in una terrina l'olio e il succo di un limone e ungete i calamari.

Fate scaldare molto bene la graticola e posatevi sopra i calamari, voltandoli in modo che si rosolino bene dalle due parti e bagnandoli ancora con un poco di olio e limone.

Al momento di servire in tavola cospargeteli di aglio e prezzemolo tritati.

I calamari vanno serviti caldissimi sul piatto di servizio guarnito con ciuffetti di prezzemolo e spicchi di limone. Potrete anche accompagnarli con altra salsa di olio, limone, pepe e sale sbattuti insieme.


Note - Consigli - Varianti :

Calamaro e calamaretto. Si tratta di due molluschi molto comuni nei nostri mari.
Vivono vicino alla costa, nuotando alla superficie. Sono quasi trasparenti, ma per difendersi secernono un umore nero (inchiostro), analogo a quello delle seppie: da questa particolarità deriva il nome.

Gastronomicamente fra questi due molluschi non c'è gran differenza; e lo stesso vale per i totani, che non vanno confusi con i calamari. In cucina le preparazioni sono pressoché identiche a quelle indicate per le seppie, i piccoli polpi e i totani.

I calamaretti inoltre, interi se molto piccoli, tagliati in due o tre pezzi se poco più grossi, sono elemento fondamentale del fritto misto e di un altro famoso piatto di frittura, il fritto di calamari e scampi.

I calamari si cucinano tagliati ad anelli; interi sono più adatti che non le seppie a essere farciti, prima della cottura alla graticola o in tegame.

Photo Gallery