Zuppa dolce di cavolo alla danese

ricetta Zuppa di cavoloZuppa dolce di cavolo alla danese
Tempo di preparazione: mezz'ora.
Tempo di cottura: due ore e 15 minuti.

Ingredienti per 4 :

800 grammi di cavolo,
50 grammi di burro,
Un cucchiaio colmo di zucchero,
Un litro e mezzo di brodo di estratto di carne,
Sale,
Pepe.


Preparazione:

Pulite, lavate e asciugate il cavolo e tagliatelo a listarelle sottili.
Fate sciogliere il burro in un tegame di pirofila, unitevi il cavolo e rigiratelo accuratamente nel burro.

Cospargete con Io zucchero e lasciate rosolare bene, a calore moderato per circa dieci minuti.

Rigirate frequentemente e, se il cavolo non avrà ancora assunto un bel colore ambrato, aumentate il calore e lasciatelo sul fuoco per altri due o tre minuti.

Mescolate bene, bagnate con il brodo caldo e condite con il sale e il pepe. Coprite il recipiente e lasciate cuocere la zuppa a fuoco molto basso per circa due ore.

La zuppa dovrà risultare piuttosto densa (quasi una purea). Potete eventualmente servirvi della pentola a pressione. Il sapore dolce e salato è una caratteristica della cucina scandinava.

Potrete servire questa zuppa con fettine di pane scuro leggermente tostate e imburrate.


Note - Consigli - Varianti :

Cavolo. Si indicano con questo nome i cavoli da foglia, coltivati nelle due varietà cappuccio e verza. Sono costituiti da un fusto corto dal quale si dipartono numerose foglie (lisce per il tipo cappuccio, rugose e crespe per il cavolo verza), mentre le foglie apicali rimangono strettamente incappucciate formando la cosiddetta testa o palla (più compatta nel cavolo cappuccio).

Le foglie interne sono generalmente bianche, mentre quelle esterne possono essere anche verdi o rosse nel cavolo cappuccio. Si coltivano un gran numero di varietà, che permettono la raccolta dalla primavera all'inverno. La coltivazione del cavolo cappuccio è diffusa in tutta Italia, con particolare acentuazione nel Veneto e in Lombardia.

Anche la verza è una tipica produzione del settentrione, oltreché di alcune province centromeridionali. Queste verdure, come il cavolfiore, hanno il difetto di emettere un odore sgradevole durante la cottura, il che può avere contribuito a limitarne il consumo. Compaiono comunque in numerosi piatti e minestre.

Photo Gallery