Tortelloni della vigilia

ricetta_Tortelloni_della_vigiliaTortelloni della vigilia
Tempo di preparazione: un'ora e mezzo.
Tempo di cottura: 50 minuti.

Ingredienti per 4/6 :

300 grammi di farina bianca,
4 uova,
400 grammi di ricotta romana freschissima,
Mezzo chilo di pomodori pelati in scatola,
100 grammi di formaggio grana grattugiato,
70 grammi di burro,
Due cucchiai di olio d'oliva,
50 grammi di prezzemolo tritato,
Una cipolla di media grossezza affettata sottilmente,
Uno spicchio d'aglio,
5 foglie di basilico fresco,
Un pizzico di zucchero,
Un pizzico di noce moscata,
Sale,
pepe

Preparazione:

Passate al setaccio la ricotta, lasciando scendere il passato in una terrina; unite il prezzemolo, un uovo intero, 50 grammi circa di formaggio, un pizzico di noce moscata, sale, pepe e mescolate bene il tutto.

Fate soffriggere in una casseruolina la cipolla con lo spicchio d'aglio intero, le foglie di basilico, l'olio e circa 20 grammi di burro.

Quando la cipolla sarà appassita unite i pomodori, salate, incoperchiate e lasciate cuocere a fuoco moderato per circa 40 minuti, mescolando spesso. Versate intanto sulla spianatoia la farina: unite tre uova, un cucchiaio d'acqua, un pizzico di sale e impastate gli ingredienti.

Lavorate poi la pasta per circa 15 minuti e con il matterello stendetela in modo da ottenere una sfoglia sottile. Con il tagliapasta ritagliate dei dischi; ponete al centro di ognuno un poco di ripieno, ripiegateli formando una mezzaluna e premete bene tutto intorno al bordo affinché, cuocendo, il ripieno non esca.

Passate al setaccio la salsa di pomodoro, raccoglietela in una terrina, incorporatevi il restante burro a pezzetti, un pizzico di zucchero e tenetela in caldo a bagnomaria.

Portate a ebollizione in una pentola abbondante acqua salata, quindi gettatevi i tortelloni e lasciateli cuocere per pochi minuti (circa cinque).

Scolateli con un mestolo forato e distribuiteli nella zuppiera, a strati alternati con la salsa di pomodoro e il formaggio grattugiato.

Incoperchiate e ponete la zuppiera nel forno caldo, ma spento, per dieci minuti, quindi servite in tavola.


Note - Consigli - Varianti :

Una volta cotti i tortellini vanno consumati subito. Fra le paste ripiene sono infine da citare i tortelli e i tortelloni che, a seconda delle località, indicano preparazioni dolci o salate diverse le une dalle altre.

A Milano, e in parte della Lombardia, i tortelli di carnevale sono delle grosse frittelle dolci, oggi prodotte su scala artigianale, e vendute fredde (ed è un errore: si dovrebbero consumare caldissime).

Nel Mantovano si chiamano tortelli di zucca i grossi ravioli di magro a mezzaluna o quadrati ripieni di zucca, mostarda, amaretti e altro. Nelle Marche i tortelli di San Leo sono ravioli di erbe, ricotta e spezie.

I tortelli alla cremasca si presentano anch'essi come ravioli, con ripieno di amaretto, uvetta, formaggio, uova, ecc. A Modena i tortelli, con ripieno di castagne, cioccolato e mandorle, avvolti nella pasta sfoglia, vengono fritti.

Simili a questi sono i tortelli di castagne di Reggio Emilia.
L'accrescitivo tortellone indica un grosso raviolo di magro, con spinaci e ricotta.

Photo Gallery