La spesa di Dicembre

Frutta - La frutta invernale è al completo: mele e pere hanno raggiunto la giusta maturazione, la famiglia degli agrumi colora vivacemente le bancherelle dei mercati.

Un frutto che si è aggiunto al gruppo è il pompelmo di cui conosciamo due varietà: il pompelmo bianco e quello rosato, quest'ultimo incrocio però non ha ancora uguagliato la fragranza e il sapore di quello bianco.

I mandarini raggiungono verso la fine del mese il massimo del profumo: si può approfittarne per preparare un ottimo liquore casalingo.

Gli ananas arrivano già numerosi nei supermercati: i migliori, più dolci e profumati, sono quelli rosso-arancio provenienti dalle Hawai. Al momento dell'acquisto si scelgano i frutti più pesanti, profumati e colorati.


Verdura - È consigliabile acquistare verdure nostrane di stagione come verze, cavolfiori, catalogna, finocchi, cipolle, patate, porri, cardi, zucche, barbabietole, cime di rapa, spinaci, fagioli, lenticchie ecc. Tra queste una maggior valutazione meriterebbero i porri, solitamente usati solo come ingredienti di minestroni.

I porri quando sono grossi e bianchi si possono cucinare al burro come i finocchi o gratinati sotto uno strato di besciamella, oppure, dopo averli scottati in acqua salata e insaporiti nel burro, avvolgere in fette di prosciutto crudo o fontina e mettere per qualche minuto in forno, prima di servirli. Potranno anche sostituire i cipollotti, di cui sono stretti parenti, nella preparazione di rustiche frittate.


Pesci - Insieme al pesce fresco, surgelato, in scatola bisognerebbe di tanto in tanto prendere in considerazio- ne anche il pesce sotto sale, il pesce seccato e affumicato.

Sardine, acciughe, merluzzo, aringhe, stoccafisso, sono pesci che si cucinano di preferenza d'inverno. Sia il baccalà sia lo stoccafisso si possono acquistare già ammollati.

Poco conosciute e spesso trascurate in Italia sono le aringhe con cui si possono preparare ottimi antipasti, uno gustosissimo potrebbe essere il seguente: scottare sulla graticola un'aringa affumicata, spellarla e dividerla a filetti.
Fare altrettanto con un paio di grossi peperoni e mescolarli ai filetti di aringa. Condirli con una salsetta di aceto, sale, pepe e prezzemolo.


Carne e Pollame - I polli, tra cui faraone, tacchini, capponi, galli, oche vedono avvicinarsi inesorabilmente i giorni nefasti dei sacrifici in occasione delle feste natalizie. I tacchini, in modo particolare, sono quelli che suscitano maggiori meraviglie ed esclamazioni per la mole veramente eccezionale. State attente, al momento dell'acquisto, di non comperare solamente ossa.

Ottime sono in questo periodo le carni di maiale, di manzo, di agnello. La carne di maiale deve essere appena rosata con grasso candido. Tutte le parti del maiale vengono utilizzate: il filetto, la lonza, il lombo, i nodini sono ottimi per arrosti, per la cottura alla griglia e in padella; la parte anteriore e la spalla per gli umidi e gli stufati; la gola, la testa e gli zampini ottimi per i bolliti.


Vino e Liquori -  Si avvicinano le feste e le occasioni per brindare e per pasteggiare con un buon vino diventano numerose per cui si rende necessario l'approvvigionamento di vini, acqueviti e liquori. Se è possibile, è molto meglio fare un unico acquisto così da poter beneficiare di uno sconto più consistente e da non correre il rischio di trovare esaurito il tipo di vino richiesto.

Trattandosi di una spesa di una certa entità occorrerà preparare una lista rigorosa di vini bianchi e rossi, secchi o spumanti e una per il rifornimento del bar: cognac o brandy e whisky, qualche liquore dolce e qualche bottiglia per aperitivi: vermouth, sherry, amari aperitivi e qualcuno digestivo.

Non andranno dimenticati anche birra e analcolici se sono previsti ospiti astemi.

Photo Gallery