Gelatina di ciliegie (o di amarene)

ciliegeGelatina di ciliegie (o di amarene)
Tempo di lavorazione: 1 ora e mezza circa,
più il tempo necessario per lasciare riposare la frutta

Ingredienti :

Ciliegie (o amarene) a giusta maturazione e sanissime,
circa kg 1,200 -
zucchero gr 900 -
mele cotogne o renette gr 500 -
1 limone.

Preparazione:

Lavate accuratamente le ciliegie (o amarene), poi lasciatele scolare e togliete il gambo, nel fare questa operazione scartate quelle guaste. A lavoro ultimato mettetele su un setaccio di crine posto su una terrina, quindi schiacciatele in modo da raccogliere il succo che scende da esse.

Sistematele poi così come stanno in luogo fresco e buio lasciandole per circa un giorno (o tutta la notte). Nel frattempo lavate le mele e, senza pelarle né togliere il torsolo, tagliatele a fette, mettetele in una casseruola, unite mezzo litro di acqua (devono esserne coperte) e un pezzetto di scorza di limone (solo la parte gialla), ponete il recipiente sul fuoco e, all'inizio dell'ebollizione, abbassate la fiamma in modo che la cottura non sia troppo vivace; incoperchiate il recipiente e lasciate cuocere le mele, senza più toccarle, per quindici minuti (sempre dal momento che inizia l'ebollizione).

Foderate un colino con un telo pulitissimo e ponete tutto su una terrina. A cottura ultimata con un mestolo forato togliete dalla casseruola le mele e ponetele sul telo, quindi versate su tutto il liquido rimasto nel recipiente e lasciate stare così le mele senza più toccarle affinché scenda tutto il loro succo nel recipiente sottostante.

Quando i due succhi sono pronti, versate in una casseruola sette etti di succo di ciliegie (nel togliere il succo dalla terrina fate attenzione di non asportare l'eventuale fondo depositatosi nella parte bassa del recipiente) e tre etti di succo di mele, unite lo zucchero, ponete il recipiente su fuoco vivace e quando il liquido inizia a bollire abbassate la fiamma e lasciate cuocere la gelatina schiumandola spesso con un mestolo forato affinché riesca limpidissima.

A questo scopo con un telo umido asportate di tanto in tanto il cerchio grigiastro che si formerà, all'interno del recipiente, nella parte alta. Continuate la cottura sino a che, immergendo un mestolo forato nella gelatina e sollevandolo di taglio, le gocce stentano a staccarsi.

Nel frattempo lavate e asciugate i vasetti considerando che, a cottura ultimata, avrete circa un chilo e mezzo abbondante di prodotto. Versate la gelatina nei vasetti procedendo come al solito.

Potete utilizzare le ciliegie rimaste sia per fare una marmellata che da servire, come dessert, sul gelato.


Note - Consigli - Varianti :

Un'ottima gelatina si ottiene mescolando frutta diversa. La preparazione della gelatina richiede maggiore accuratezza che la preparazione della marmellata. Si deve ottenere una pasta perfettamente limpida, senza traccia di bucce, noccioli, polpa.

Il filtraggio dev'essere molto accurato e il succo non va lasciato in recipienti di metallo, ma di porcellana o terracotta, possibilmente esenti da trattamenti a base di vernici e metalli potenzialmente ossici, quali quelli comunemente usati per il "rivestimento".

Photo Gallery