Cenci dell'Artusi

Cenci_alla_ArtusiCenci dell'Artusi
Tempo di preparazione: mezz'ora.
Tempo di riposo: mezz'ora.
Tempo di cottura: 15 minuti.

Ingredienti per 4 persone :

250 grammi di farina -
Due cucchiai di zucchero in polvere -
Due uova intere -
Un cucchiaio abbondante di brandy -
Una grossa noce di burro ammorbidita -
Una bustina di zucchero a velo vanigliato -
Sale -
Strutto per friggere.


Setacciate la farina insieme allo zucchero e al sale, formate la fontana, rompetevi nel centro le uova e impastate con la forchetta; a poco a poco amalgamatevi anche il burro e il brandy; lavorate poi a lungo la pasta con le mani, fino a quando sarà ben liscia e soda.

Formate una palla, ponetela in un canovaccio leggermente infarinato e lasciatela riposare per circa 30 minuti. Tirate con il matterello una sfoglia piuttosto sottile e da questa ritagliate con una rotella tagliapasta tante striscioline lunghe circa dieci centimetri e larghe circa tre centimetri.

Con il coltellino praticate un taglietto verticale nel centro di ogni striscia e fatevi passare in mezzo un'estremità della striscia stessa, in modo da ottenere una striscia incrociata o un nodo; ma, secondo la vostra fantasia, potrete creare anche altri tipi di strisce annodate, oppure arrotolate.

Ponete ora sul fuoco la padella per fitti con lo strutto e non appena questo sarà bollente tuffatevi, poche per volta, le liste di pasta preparate.

Quando assumeranno un bel colore dorato estraetele con la paletta e passatele nella carta assorbente da cucina affinché perdano l'eccesso di unto.

Appena intiepidite cospargetele di zucchero a velo vanigliato e con delicatezza sistematele su un largo piatto di servizio.


Note - Consigli - Varianti :

I dolci. Secondo una teoria esposta da Brillat-Savarin nel suo libro La fisiologia del gusto, i sapori fondamentali che consentono di classificare le vivande sarebbero quattro: il dolce, l'amaro, il salato e l'acido.

Per molti secoli, in pratica fino alla metà del Settecento, il sapore dolce venne considerato, in cucina, sullo stesso piano degli altri tre: molti piatti si preparavano in versione dolce oppure salata, come testimoniano ancora certe ricette come quelle delle preparazioni in agrodolce

Photo Gallery