Cinghiale in agrodolce

Cinghiale_in_agrodolceCinghiale in agrodolce
Tempo di preparazione: mezz'ora.
Tempo di marinatura: 24 ore.
Tempo di cottura: tre ore.

Ingredienti per 4 persone :

800 grammi di polpa di cinghiale (priva di cotenna,
grasso e ossicini) -
100 grammi di olio d'oliva -
Due bicchieri di vino rosso generoso -
Tre cucchiai d'aceto di vino rosso -
Una cipolla -
Due costole di sedano -
Una carota -
Tre chiodi di garofano -
Un pizzico di timo -
150 grammi di prugne secche -
Due cucchiai di uva sultanina -
50 grammi di arancia candita tagliata a dadini -
Un cucchiaio di pinoli -
Una noce di burro -
Un cucchiaio scarso di farina -
Un cucchiaio di cacao amaro in polvere -
Pepe nero in grani - Sale.


Preparazione:

Tagliate la carne in piccoli pezzi e ponetela a marinare in un'ampia terrina con il sedano e la carota tagliata a pezzetti, mezza cipolla affettata sottilmente, i chiodi di garofano, il timo, il pepe in grani, il vino e l'aceto.

Mettete il recipiente in luogo fresco, ma non freddo, e lasciate marinare per 24 ore. Trascorso questo tempo, ammorbidite in acqua tiepida le prugne secche e l'uva sultanina.

In una casseruola mettete 50 grammi di olio e l'altra mezza cipolla finemente affettata, unite la carne sgocciolata e fate rosolare a fiamma viva. Appena la carne sarĂ  colorita, unite le verdure della marinata e poco per volta il liquido.

Abbassate il fuoco e continuate la cottura per circa un'ora e mezzo, quindi aggiungete le prugne, l'arancia candita, l'uvetta e i pinoli.

Sciogliete il cacao in poca acqua tiepida e aggiungetelo al resto, regolate di sale e ultimate la cottura. Pochi minuti prima di togliere la carne dal fuoco unite una noce di burro ben amalgamata con la farina, rigirate tutto molto accuratamente e servite in tavola molto caldo.


Note - Consigli - Varianti :

Il burro «maneggiato» si aggiunge solo se il fondo di cottura ha bisogno di un legante. Per chi non ama molto il sapore agrodolce, arancia candita, uvetta e cacao possono essere eliminati.

Devono restare però prugne e pinoli: altrimenti il piatto perde ogni caratteristica.

Photo Gallery