Coniglio in porchetta alla marchigiana

Coniglio_in_porchetta_marchigianaConiglio in porchetta alla marchigiana
Tempo di preparazione: 45 minuti.
Tempo di cottura: due ore e 10 minuti.

Ingredienti per 4 persone :

Un chilo e 200 grammi di coniglio novello -
Un grosso ciuffo di barbe di finocchio selvatico fresco -
60 grammi di salame - 40 grammi di pancetta -
50 grammi di prosciutto crudo -
Uno spicchio d'aglio -
5 cucchiai di olio d'oliva -
Due cucchiai di vino bianco secco -
Sale - Pepe.

Preparazione:

Pulite il coniglio tenendo da parte il fegato, lavatelo, asciugatelo e strofinatelo leggermente con sale e pepe.

Lavate molto bene le barbe di finocchio selvatico, eliminate gli eventuali semi o fiori e conservatene solo la parte verde, che metterete in una casseruola con lo spicchio d'aglio; ricoprite di acqua e lasciate cuocere, a fuoco piuttosto moderato, per 30 minuti.

Togliete l'aglio, scolate il finocchio (tenendo da parte il liquido di cottura) strizzatelo molto bene e tritatelo finemente. Tritate inoltre il salame, la pancetta e il prosciutto e fateli soffriggere in un tegame di terracotta con due cucchiai d'olio; aggiungete quindi il finocchio, il fegato, lavato e tagliuzzato fine, e lasciate insaporire il tutto per cinque minuti a fuoco moderato.

Riempite con questo composto la cavità addominale del coniglio che ricucirete con filo incolore; ponetelo in una teglia ovale, unta con un cucchiaio di olio, cospargetelo con il restante olio, e passate il recipiente in forno già caldo (170 °C).

Dopo 40 minuti di cottura, quando sarà ben rosolato, bagnatelo di vino bianco e, appena questo sarà evaporato, versate poco per volta sul coniglio, a diverse riprese, il liquido di cottura del finocchio.

Incoperchiate e lasciate cuocere per altri 50 minuti circa, rigirando di tanto in tanto. Tagliate il coniglio a pezzi, affettate delicatamente il ripieno e servite con il sugo di cottura.

Il finocchio selvatico può essere sostituito con barbe di finocchio fresco normale o con un pizzico di semi di finocchio.


Note - Consigli - Varianti :

Coniglio. Il coniglio domestico, che deriva da quello selvatico, è caratterizzato da una notevole prolificità e da un breve ciclo biologico, inoltre in poco tempo raggiunge un buon incremento ponderale. Viene allevato soprattutto per il valore della carne bianca e secondariamente per la pelliccia.

Lo sviluppo corporeo è assai vario: il gigante di Fiandra può raggiungere i nove chili di peso. Fra le altre razze da carne possiamo citare il gigante blu di Vienna, il gigante di Normandia, il nostrano, il bellier inglese, il papillon francese.

Photo Gallery