L'uso delle erbe, va fatto quando veramente una preparazione lo richiede..

Aromi e Spezie in casa
L'uso delle erbe, va fatto quando veramente una preparazione lo richiede.Convinte di rendere migliore una data portata, non unitele in dose eccessiva, state scarse all'inizio, sarete sempre in tempo ad aumentare la dose.



cipollinaErba cipollina (santigola).
Ha un leggero profumo di cipolla. Viene usata, finemente tritata, sia per insaporire delle insalate, crude o cotte, che per aromatizzare un intingolo. Dato che è difficile trovarla in vendita fresca, vi consiglio di coltivarla nel vostro orticello pensile.

Erbe fini. Quando in una ricetta trovate scritto «spolverizzare con un pizzico di erbe fini», significa di spolverizzare quella data preparazione con qualche foglia di prezzemolo, cerfoglio, dragoncello e erba cipollina, tritate o no, e mescolate insieme.


finocchioFinocchio (semi).
I semi del finocchio non derivano dal finocchio dolce, ma dalla qualità selvatica. Hanno un caratteristico ed accentuato aroma un po' acre. Si adattano molto bene al sapore delle carni di maiale, di coniglio e della lepre, per preparazioni allo spiedo, pesci e per particolari tipi di pane. In Piemonte vengono utilizzati per profumare l'acqua delle castagne lessate. In Toscana insaporiscono uno speciale salame detto «finocchiona».


gineproGinepro.
Arbusto sempreverde originario delle zone montane dell'Europa, Asia e America settentrionale.

È una bacca nero-violacea che cresce sulla pianta del ginepro. In cucina si usa per insaporire umidi, salmì, cacciagione ecc. In Emilia, pestato con rosmarino, aglio ecc., viene usato per tenere in «concia» dei particolari tipi di carne: coniglio, maiale, lepre ecc. da arrostire.


salviaSalvia.
La salvia è diffusa nelle zone temperate di tutto il mondo, preferisce un terreno soffice, ma si adatta anche a un substrato arido e sassoso; sopporta il gelo.

Viene usata come il rosmarino per la preparazione di arrosti, per la cottura di particolari tipi di carne, per nodini, per fegatini di maiale, per spiedini ecc.


scalognoScalogno.
Assomiglia a piccole cipolle bianche tonde (le pavesi). Ha il gusto dell'aglio e della cipolla mescolati insieme, ma molto meno forte. È conosciutissimo nella cucina francese, ma da noi non è molto noto. In cucina si usa in sostituzione dell'aglio e della cipolla per conferire alle portate un gusto più delicato.


senapeSenape.
Sono semi piccolissimi e dal sapore fortissimo della pianta di senape. Macinati ci danno la polvere di senape che viene usata in cucina in dosi minime (attenzione!...) per preparare la frutta in mostarda ecc. In commercio vi sono barattoli contenenti una salsa, dove è stata mescolata la senape con altri ingredienti che variano secondo la formula delle ditte produttrici, che viene chiamata senape o «mostarda» (moutarde in francese), da non confondere con la mostarda di frutta. Va usata con moderazione.


Aromi Pag. 4

Photo Gallery