Cocktail di scampi (o di gamberi)

cocktail_gamberettiCocktail di scampi (o di gamberi)
Tempo di lavorazione: 1/2 ora circa più il tempo
necessario per lasciare raffreddare gli scampi
Tempo di cottura: 1/2 ora circa

Ingredienti per 4 :

code di scampi (o di gamberi) gr 500,
1 piccolo mazzo di lattuga,
1 uovo,
olio d'oliva,
1 limone,
tomato ketchup,
salsa Worcester,
ottimo Cognac,
1 bicchiere circa di vino bianco secco,
1 carotina,
1 piccola cipolla,
1 gambo di sedano,
1 foglia di lauro,
sale e pepe

Preparazione:

Mondate, lavate e tagliate a pezzetti carota, sedano e cipolla, mettete il ricavato in una casseruola con mezzo litro abbondante di acqua fredda, il vino bianco, la foglia di lauro e il sale necessario.

Ponete il recipiente sul fuoco, quando l'acqua alza il bollore abbassate la fiamma in modo che l'ebollizione sia lentissima e lasciate cuocere per circa mezz'ora. Solo allora unite gli scampi lavati accuratamente.

Appena il liquido riprende a bollire, togliete il recipiente dal fuoco e lasciate stare gli scampi nel liquido bollente per circa quindici minuti. Potendo lasciate raffreddare gli scampi nel loro brodo.

Nel frattempo con un tuorlo, olio, succo di mezzo limone, sale e pepe preparate una maionese.
Scolate gli scampi e sgusciateli, quindi togliete il budellino terroso (è al centro della coda ed assomiglia a un piccolo filo molto scuro) e lasciateli raffreddare.

Mondate e lavate molto bene le foglie di insalata poi rivestite con esse le coppette o una grande coppa (fate attenzione che l'insalata sia freschissima e che le foglie non siano cincischiate, non dimenticate mai che, come si suol dire, anche l'occhio vuole la sua parte).

Mettete in una terrina le code degli scampi (tagliate a fettine o no a piacere) e unite tanta maionese quanto basta per condirle, una cucchiaiata di Cognac, una di tomato e tre gocce di Worcester.

Mescolate molto bene, assaggiate e, se vi sembra necessario, salate, pepate, o unite ancora un poco dell'ingrediente che vi sembra scarseggi.

Versate gli scampi nelle coppette o nella coppa grande, decorate a piacere con foglioline freschissime di basilico o di prezzemolo (meglio se riccio) e tenetele al fresco sino al momento di servirle.

Se avete preparato coppette individuali tenete a parte quattro code, scegliendole più belle, e ponetele a cavallo del bordo delle coppette o, se preferite, sistematele al centro della preparazione.



Note - Consigli - Varianti :

Antipasto squisito, adatto da servire a un pranzo importante, Servite gli scampi in coppette individuali: si presentano meglio e il servizio è agevolato.

Lo scampo è un crostaceo che appartiene alla famiglia delle Nephropidae. Ha un corpo allungato di colore arancio ed è ricoperto da una robusta corazza, il carapace. E’ facilmente riconoscibile dalle chele sottili e allungate che lo differenziano dal gambero.

L’addome dello scampo termina con la coda che si apre a ventaglio. E’ diffuso in tutti mari dell’Italia, della Norvegia e nell’Oceano Atlantico. Predilige i fondali sabbiosi e la pesca viene praticata con le reti a strascico.

Le carni dello scampo sono molto gustose e dal sapore delicato, è preferibile consumarlo previa cottura per evitare intossicazioni batteriche.

Si presta a svariate preparazioni ad esempio bollito, grigliato e anche come base per condimenti di pasta e riso.
Quando si acquistano si devono presentare all’ aspetto di un bel colore vivace, la testa all’ interno non deve essere di colore scuro, l’addome non deve essere di colore verde e non devono emanare cattivo odore.


I gamberi (ricetta gamberi al ribes)dovrebbero essere puliti eliminando l'intestino, non per questioni igieniche quanto di gradevolezza gustativa I gamberi necessitano cotture RAPIDE, quelle prolungate rovinano inesorabilmente l'alimento I gamberi cotti alla griglia dovrebbero conservare il carapace che ne mantiene la morbidezza, così come quelli medi da friggere dovrebbero essere sgusciati per velocizzare il processo di frittura.

E' necessario tenere in considerazione che i gamberi sono oggetto di una forma allergica molto diffusa; pertanto sono alimenti sconsigliabili all'alimentazione della gravida, della nutrice e dell'infante.

Photo Gallery