Autodromi e Musei dell'Automobile in Veneto

icona_autodromiAdria International Raceway,
Adria (Rovigo), località Cavanella Po, Smergoncino 7
La pista può ospitare fino a 32 vetture nelle gare brevi e fino a 50 vetture nelle gare di durata. La struttura del tracciato è tale da poter garantire le manovre di sorpasso e incrementare la componente spettacolare della gara. Infatti ad ogni tratto significativo del tracciato segue una curva "lenta" che richiede una staccata al limite. Ogni curva presenta raggi di curvatura differenti in modo da favorire l'alternanza delle tecnoche guida. Nel tracciato sono state evitate le "chicanes" artificiali e le curve regolari in sequenza che tolgono il gusto della guida e dello spettacolo.



icona_autoMuseo dell'Automobile Luigi Bonfanti,
Romano d'Ezzelino (Vicenza), via torino 1
Il museo dell’Automobile “Bonfanti-Vimar” è una realtà viva da ormai 15 anni e sorge alla periferia Nord di Bassano.

Il Museo “Bonfanti-Vimar” è noto a livello internazionale per essere stato il primo ad attuare una filosofia espositiva unica ed innovativa. Ogni sei mesi, in primavera ed autunno, infatti il Museo cambia totalmente i contenuti, proponendo ogni volta un tema diverso. L’innovativo Museo Veneto è molto attivo ed organizza, ancora una volta unico in Europa, dei corsi per restauratori di veicoli d’epoca. Un’arte altrimenti destinata a sparire con gli ultimi vecchi artigiani.

Per le continue proposte culturali, al Museo dell’ Automobile “Bonfanti-Vimar” è stato assegnato il TROFEO DI MIGLIOR MUSEO EUROPEO DELLA MOTORIZZAZIONE nel 1999, 2000, 2001 e 2004 e 2007.


Museo Nicolis,
Villafranca di Verona (Verona), via Postumia.
Il Museo è stato il suo "sogno nel cassetto", sin da quando, ragazzino, raccoglieva carta da riciclare girando in bicicletta i paesi vicino a casa. Luciano Nicolis, veronese doc, lo ha realizzato nel 2000, inaugurando il "suo Museo" che ha subito aperto al pubblico.

Nel "Museo dell'Auto, della Tecnica e della Meccanica" ha fatto confluire gli oggetti, introvabili e preziosi, che l'interesse per la meccanica lo ha portato a cercare in tutto il mondo: automobili, motociclette, biciclette ma anche strumenti musicali, macchine fotografiche e per scrivere, opere dell'ingegno umano.