Il moscato di Saracena

moscato-saracenaIl moscato di Saracena Già nel Cinquecento i barili di Moscato di Saracena (in provincia di Cosenza) erano imbarcati a Scalea per essere consegnati alla corte papale.

Sulla tavola di papa Pio IV il Moscato di Saracena non mancava mai. Anche in tempi più recenti si trovano riferimenti precisi a questo vino in due resoconti del Grand Tour.

Lo cita Norman Douglas nel 1915 nel suo libro "Old Calabria" dove scrive "...sorge il prosperoso paese di Saracena, famoso fin dai secoli passati per il suo moscato. Lo si ottiene dall'uva portata dai saraceni da Maskat".

Ma anche George Gissing in "By the Jonian sea" del 1901 ricorda "... come cosa in pieno degna dell'antica Sibari un vino bianco, gradevole al palato, chiamato moscato di Saracena".

Il Moscato di Saracena si produce vinificando uve guarnaccia, malvasia, "adduraca" (termine dialettale che sta per profumata) e moscatello (un vitigno locale che non è mai stato censito e solo a Saracena la coltivazione raggiunge buoni livelli qualitativi).

Le percentuali tra le diverse uve possono variare sensibilmente, ma in genere guarnaccia e malvasia sono prevalenti e viene aggiunta solo una piccola quantità di "adduraca", un vitigno molto profumato e aromatico.

Il moscatello, raccolto al giusto punto di maturazione, è appeso su graticci ombreggiati per 15, 20 giorni, per concentrarne, attraverso l'appassimento, zuccheri e aromi. Gli acini disidratati subiscono successivamente un'attenta selezione manuale, seguita da una delicata pressatura.

Dopo la vendemmia, guarnaccia, malvasia e adduraca invece sono pigiate e il mosto ottenuto è sottoposto a bollitura: questo " procedimento determina un aumento del grado zuccherino e quindi del grado alcolometrico.

I due mosti sono assemblati e iniziano un percorso fermentativo naturale. Il risultato è un vino dal lucente color ambra, intensamente profumato: alle note resinose e aromatiche si uniscono aristocratici sentori di fichi secchi, frutta esotica, mandorle e miele.

Al palato mantiene eleganza e finezza, discreta persistenza, buon equilibrio e una piacevole nota amarognola.

Il Presidio Slow Food coinvolge sei produttori di Saracena che si sono posti come obiettivo il miglioramento della qualità complessiva della produzione, prestando massima attenzione alla coltivazione sostenibile dei vigneti.

Responsabili: Luigi Viola, info@cantineviola.it; Donato Sabatella, donato.sabatella@gmail.com.

Photo Gallery