P2 ) Pezzo - Pirli - Lago e Case di Viso

val_camonicaProprio sul confine tra i due grandi parchi della valle si snoda questa passeggiata, di medio impegno, che combina gli splendidi esempi di architettura alpina (a Pini e a Viso) con le affascinanti manifestazioni della flora e della fauna (in particolare cervi, caprioli, camosci ed aquile) di un ambiente naturale protetto. Non mancano bei panorami e la "chicca' finale del grazioso laghetto di Viso.
Il percorso ad anello permette di variare il ritorno.

Segnaletica: segnavia bianco e azzurro n° 2 (Scursai), in parte 62 Cai e frecce del Parco dello Stelvio.
Difficoltà: di medio impegno, un po' lungo, qualche tratto ripido iniziale.
Dislivello: m 350 circa.
Periodo consigliato: maggio - ottobre, spettacolare dopo la metà di ottobre.
Tempi: circa ore 2,30 di andata e 1,15 di ritorno. Complessivamente 3,30/4
Parcheggio: ai posteggi all'inizio di Pezzo, vicino al campo sportivo.



Lasciata l'auto all'inizio del paese (1550 m), si continua a piedi sulla Via Viso passando tra le case di Pezzo sino ad un bivio ben segnalato sulla sinistra, appena prima del numero civico 35. Si sale il ripido fianco boscoso del monte con una mulattiera sterrata, verso nord-ovest, sino ad una baita diroccata, quindi quasi in piano e spostandosi a destra (attenzione ai segnali) si sbuca in una piccola radura sul dosso del cosiddetto laghetto di Caglianec (in realtà poco più che un'esigua pozza solitamente asciutta).

Si torna a salire sino a che s'incontra un pianeggiante sentiero che si segue verso destra, attraverso il "Bosco Sacro" che protegge da secoli Pezzo dalle slavine, fino ad imboccare una stradetta che scende a Pirli passando vicino ad un recinto faunistico del Par dello Stelvio. Pirli (1711 m – ore 1,15/1,30) è una minuscola frazione alpestre di squisita fattura, su uno splendido terrazzo panoramico e le sue belle ca dalla tipica architettura, meritano un'accurata visita.

Attraversato il villaggio prosegue, entrando più decisamente in Val di Viso, scendendo dapprima sino bordi della carrozzabile asfaltata, mantenendosi però sulla sterrata che rimonta parallelamente la valle (segnaletica per Lago di Viso anche bianca e rossa Cai e del Parco) tra prati e lariceti dal dorato manto autunnale.

Quasi in pia si passa poi proprio sopra l'alpeggio di Case di Viso, autentico gioiello architettonico della Valcamonica, che si visiterà meglio al ritorno, con magnifica visi sulle cime sovrastanti come l'Albiolo. Con un ultimo breve tratto ripido ci affaccia alle rive del tondeggiante Laghetto di Viso (1862 m – meno di un'ora da Pirli) dal cupo fascino misterioso.

Ci si sposta ora sull'altro versante valli traversando un piccolo ponte e portandosi sull'attrezzata area di sosta parcheggio del Parco e alla carrozzabile sterrata che sale da Viso. Con polverosa stradina si cala a Viso (1753 m) e dopo una piacevolissima passeggiata tra le sue pittoresche case, poco prima del ponte sull'Arcanello, si abbandona la strada principale spostandosi sulla secondaria che discende a sinistra sul versante vallivo opposto a quello di andata.

Con questa, tra cespuglieti rododendro e ontano di monte, si scende per poco più di un chilometro sino incontrare un'altra mulattiera segnalata che esce a destra, riattraversa il torrrente e ci riporta a Pezzo (complessivamente ore 3,30/4 senza soste e visite. Chi volesse accorciare e alleggerire la passeggiata, può evitare il primo ripi tratto e salire a Pirli direttamente con la strada carrozzabile che collega Pez a Viso.
Da Pirli si continua poi con l'itinerario sopra descritto.



val_camonicaval_camonica

Photo Gallery