Ugolino Ugolini "Apostolo della Montagna"

Ugolino Ugolini "Apostolo della Montagna" Nel 1925 all'età di 33 anni moriva, per il riacutizzarsi delle ferite riportate durante la guerra 1915-18, Ugolino Ugolini, apostolo della montagna,che dedicò gli ultimi anni della sua breve esistenza ad aiutare le genti del Cadore ridotte in miseria dalla guerra.

Quando nel 1926 la sezione di Brescia dell'U.O.E.I. dovette essere sciolta per sottrarla al controllo del regime, i soci decisero di dedicare la nuova società ad Ugolini, che era stato segretario dell U.O.E.I. dal 1913.

Nacque così, il 29 dicembre del 1926, la Società Escursionisti Bresciani Ugolino Ugolini. Diffusione della conoscenza della montagna, addestramento all'alpinismo con l'organizzazione per i soci di corsi di roccia, ghiaccio e scialpinismo, gite ed escursioni, conferenze culturali e pratica degli sports invernali sia turistica che agonistica, sono gli scopi evidenziati nello statuto sociale.

Fin dalla fondazione, l'attività è stata organizzata per gruppi che, prima della seconda guerra mondiale, comprendevano anche i gruppi Pallacorda (tennis), Grotte (speleologia), Fotografi e Ciclisti. Ma l'asse portante della società sono sempre stati il Gruppo Guide, dal 1946 Circolo Rocciatori Ugolini, ed il Gruppo Sciatori, poi Sci Club Ugolini e dal 1979 Gruppo Sci Alpinistico.

Al primo gruppo è affidata l'organizzazione dell'attività "estiva", corsi di roccia, ghiaccio, gite presso rifugi od in tenda. Nel 1942 fu inaugurata la palestra di roccia della Ugolini al Giogo di San Martino di Virle e nel 1944 il primo "corso teorico pratico di arrampicata su roccia".

Vasta ed importante l'attività alpinistica svolta dagli istruttori e dai soci ammessi al gruppo, con numerosissime prime ascensioni, riportate su varie guide, e spedizioni alpinistiche extraeuropee. Al secondo gruppo compete l'organizzazione dell'attività su neve e con corsi di sci alpino, fondo e scialpinismo, compresa la certificazione dei risultati raggiunti dagli allievi.

Numerose le manifestazioni sciistiche organizzate dal gruppo, tra le quali le più importanti il Rally Sci Alpinistico dell'Adamello, effettuato ininterrottamente dal 1961 e la 12 ore di sci di fondo, conosciuta come il Trofeo Mezzalama dei duemila, in sei edizioni dal 1972 al 1980, manifestazioni che avvalsero nel 1982 il conferimento alla Società della Stella d'Argento F.I.S.I. al merito sportivo.

Per l'attività della Società sono utilizzate le infrastrutture costituite dalla palestra di Virle Treponti (BS), dai locali della sede in Via Marchetti 1c a Brescia, dal Rifugio Tita Secchi al Lago della Vacca (sottogruppo del Blumone), oltre che dal bivacco Ugolini installato nel 1980 a quota 3340 m sotto la Cima Ugolini, ed il bivacco Regosa collocato nel 1983 alla Bocchetta della Calotta, entrambi nel gruppo dell'Adamello.

Per dare la percezione del peso della Ugolini nella tradizione bresciana degli sports di montagna, basterà ricordare che il numero degli allievi che ogni anno frequentano i corsi dì vario tipo organizzati dalla Società ha raggiunto anche la cifra di quattrocento.

Oggi la Ugolini, ormai tra le pochissime società alpinistiche rimaste indipendenti, forte dei suoi seicento Soci e dei suoi istruttori, continua ad accompagnare in montagna e ad istruire alla pratica alpinistica nuove generazioni di appassionati, che hanno imparato a frequentare la montagna con lo stesso spirito d'indipendenza, ma anche con il medesimo rispetto per la natura e la vita umana tramandata dagli uomini che 76 anni fa fondarono la "UGOLINI".

Photo Gallery