Museo Civico di Storia Naturale

Museo Civico di Storia NaturalMuseo Civico di Storia Naturale
Considerato, a buon diritto, una fra le più importanti sezioni del Museo Civico "Ala Ponzone", il Museo Civico di Storia Naturale vuole documentare la forma storica del collezionismo naturalistico come i caratteri evolutivi della natura e dell'ambiente cosiddetto "antropizzato", ponendosi dunque come un vero e proprio punto di riferimento per la comprensione dei fenomeni che avvengono o sono avvenuti nel mondo della natura.

Il nucleo originario della sezione scientifica, come per altre sezioni del Sistema Museale della Città di Cremona, è costituito dal lascito Ala Ponzone, di particolare interesse giacché Giuseppe Sigismondo Ala Ponzone, ancor prima che collezionista, fu naturalista e preparatore.

A questo primo nucleo si sono aggiunte, in tempi successivi, altre piccole raccolte donate prevalentemente da naturalisti locali.

Le raccolte scientifiche hanno seguito le vicissitudini del Museo Civico "Ala Ponzone" fino agli anni Cinquanta, momento in cui fu deciso di trasportarle nella sede di Palazzo dell'Arte (pregevole architettura di Carlo Cocchia, situata in piazza Marconi) dove veniva inaugurato, in concomitanza con la Settimana dei Musei il 30 ottobre 1958, il "rinnovato" Museo Civico di Storia Naturale di Cremona. Infine nel giugno del 1995, il trasferimento nell'attuale sede presso il Parco del Vecchio Passeggio.

Il percorso proposto è articolato in differenti sezioni, il cui "filo conduttore" è rappresentato dalla trasformazione delle funzioni, da collezione naturalistica a istituzione che oggi si occupa della conoscenza e della conservazione del proprio territorio, maturata nel corso del tempo.

Il "viaggio" dei vistatori dentro il Museo inizia, quindi, con la sezione storica (costituita prevalentemente dal nucleo originario Ala Ponzone), prosegue con un passaggio attraverso le singole discipline (mineralogia, petrografia, paleontologia e zoologia, con sezione botanica nel parco), per arrivare, infine, alla lettura del nostro territorio. L'ambiente naturale, e in particolare quello urbano, permettono di introdurre un tema di grande attualità applicato alla situazione locale, ovvero una riflessione sulla conservazione della biodiversità negli spazi del Museo Civico di Storia Naturale, inoltre, sono allestite due sale dentro le quali vengono presentati gli arredi di tre antiche farmacie "storiche" della realtà cremonese.

Due provengono dalla città di Cremona: si tratta della Farmacia Comunale numero 7, prima situata in via Robolotti e successivamente trasferita in via Manzoni, e la Farmacia Comunale numero 6 prima situata in via XX Settembre ed in seguito trasferita in piazza IV Novembre. E', poi, visibile la Farmacia soncinese "Erba", una struttura del Settecento che, per merito del dottor Tito Erba, ha arricchito il primo nucleo di farmacie storiche della città.

Fotografia : due delle sale del Museo Civico di Storia Naturale
Le fotografie sono tratte dal sito Internet: www.musei.comune.cremona.it

Photo Gallery