Canne al vento

pescatoriCanne al vento Diversamente dallo stereotipo del pescatore fermo immobile ad aspettare la mangiata, la pesca sportiva è un'attività in continuo fermento.
Un po' come la cucina.

I "piatti forti" del momento altro non sono che il frutto di precedenti contaminazioni. Così si spiegano tecniche fino a ieri poco conosciute e oggi praticate dai numerosissimi appassionati: 1.300.000 quelli italiani secondo stime ACN Nielsen CPS Panel Survey, di cui il 75% pescatori d'acqua salata (ma la fotografia esatta dell'attività ricreativa in mare uscirà da un censimento in corso da parte del ministero che ha reso obbligatoria l'iscrizione).

Lo scambio con i colleghi inglesi e francesi avviene durante i meeting agonistici. Ma anche Internet da una parte, e l'immigrazione (soprattutto dai paesi dell'est) dall'altra stanno cambiando velocemente la cultura e la fisionomia del pescatore italiano, le sue abitudini e le sue attrezzature.

Prendiamo ad esempio la canna roubaisienne, da Roubaix, città francese, molto lunga e tenuta appoggiata sulla gamba. O quella all'inglese, che si usa con il filo semi sommerso in acqua per non far sentire il vento al galleggiante. Entrambe si sono affermate negli anni Novanta.

Le più amate di questo millennio sono invece: in mare, le canne a lancio dalla riva per il surf casting e il beach ledgering; nelle acque dolci, tutto l'armamentario per il carp fishing, tecnica originaria del Nord Europa dove il "catch and release" (cattura e rilascio del pesce vivo dopo la foto ricordo) è la norma.
Gruppi di amici usano organizzare battute prevalentemente notturne di diversi giorni (enduro) con tenda e lettino al seguito, più braciolata.

pescatoriMa cosa deve avere un buon pescatore oltre ad abilità e fortuna? La premessa è che nel mercato troviamo di tutto, con tendenza anche qui alla riduzione della fascia media nelle scelte della clientela.
Il punto di partenza comune è l'acquisto di una o più canne adatte al tipo di pesca che si vuol fare. La scelta è vastissima.

Basti pensare che ai mondiali di pesca sportiva che si disputeranno in Italia, sono state codificate ben 26 diverse discipline. Le canne in fibra di vetro sono sempre meno.
Ormai sono tutte in fibra di carbonio a resistenza più o meno alta.

Quelle rigide vengono preferite dai Baristi chiamati a recuperare in fretta il pesce, ma rischiano di rompersi; quelle da lancio richiedono una maggiore elasticità. Vanno provate per accertarsi che siano bilanciate e non pendano troppo in avanti. Un risultato, questo, che si ottiene aumentando il diametro del calcio della canna, ma attenzione: il peso potrebbe farsi eccessivo.

E la lunghezza? La regola generale è che deve essere tanto minore quanto maggiore è la distanza che si vuole raggiungere lanciando. Se le vostre prede nuotano lontano dalla riva, allora fate caso anche alla qualità degli anelli scorri-filo che potrebbero surriscaldare troppo il filo stesso logorandolo anzitempo.
E cercate un buon mulinello. Per essere tale deve contrastare la forza dei pesci più grossi e combattivi stancandoli grazie a una frizione efficace, possibilmente posteriore per la pesca a galleggiante, e a un accesso comodo alla leva di sblocco dell'antiritorno (quella che permette alla manovella di ruotare in entrambe le direzioni mantenendo il filo sempre in tensione).

Una canna, poi, si porta dietro molti accessori: poggiacanna, salva anelli, ami, galleggianti, prolunghe e così via. Se vi aggiungiamo l'abbigliamento, sempre più tecnico, e le attrezzature per l'outdoor, ecco che il prezzo lievita in fretta.

Per questo la compravendita si sta spostando online dove esiste un florido mercato dell'usato (http://www. hobbypesca.com; http://segretidellapesca.blogspot.com; http:// www.pianetapesca.it) con il solito problema: o si conosce bene il prodotto che si cerca, o ci si deve fidare. Con il rischio è di "abboccare" come i pesci...

Pescatori_sul_Puntledge_ RiverNelle acque dolci è di moda il carp fishing, in quelle salate il lancio da riva. Ecco come si evolve la pesca sportiva e quali attrezzature minime richiede.

GLOSSARIO / LE CANNE

canna fissa priva di anelli e mulinello, la lenza viene legata all'estremità del cimino. Lunga tra i 5 e gli 8 metri, è molto utilizzata nella pesca a galleggiante e al tocco.

canna bolognese evoluzione della fissa, su cui sono montati gli anelli scorri filo e il mulinello. Consente di lanciare a distanze maggiori (es. 15- 30 m dalla riva).

canna roubaisienne molto rigida, ad esclusione della punta su cui si innestano delle prolunghe, raggiunge i 15 metri. La si usa stando seduti e facendo fulcro sulla coscia.

teleregolabile la lunghezza (8-11 m circa) varia velocemente grazie a particolari boccole di fissaggio.

canna all'inglese telescopica o a 3 elementi ad innesto, il secondo e il terzo con molti anelli scorri filo di piccole dimensioni, necessari ad evitare l'arresto del filo sulla canna. Si usa semi-immersa in acqua

GLOSSARIO / LE TECNICHE

- pesca a passata
un'esca naturale scende a valle portata dalla corrente

- pesca con pesciolino che viene infilato all'amo per catturare i predatori

- carp fishing mira a grossi esemplari di carpa, siluro e altri ciprinidi, che vengono subito rilasciati dopo la foto ricordo

- pesca a mosca utilizza imitazioni più o meno credibili di insetti

- spinning impiega esche artificiali in movimento (dall'inglese to spin, ruotare, riferito al movimento del cucchiaino)

- pesca all'inglese grazie al particolare attacco, per l'estremità inferiore, del galleggiante alla lenza, quest'ultima è a diretto contatto con l'amo: la ferrata risulta così più rapida ed efficace.

- surf casting letteralmente "lancio sull'onda", si pratica dalla spiaggia durante o a fine mareggiata, spesso di notte, quando si muovono i pesci più grossi.

- beach ledgering meno selettiva del surf casting, si accontenta del mare calmo e di qualunque tipo di spiaggia; con pasturazione sul punto di pesca; prede ambite sono orate, spigole e murmuri.

- rock fishing pesca da roccia, scogliera o promontorio, lontano dalla gente.

- a Bolentino in mare, dalla barca, con lenza che tocca il fondo. fonte: http://www.hobbypesca.com

di Consumatori Con - Claudio Strano

Photo Gallery