Erbe - Camomilla

erbe_camomillaCAMOMILLA Matricaria chamomilla L. - Composite

La piantina, alta tra i 15 e i 40 centimetri, annuale, ha fusto glabro, eretto,
ramificato.

Le sue foglie sono verdi, profondamente divise in strette lacinie. I suoi fiori, dall'odore penetrante, sono bianchi, con centro giallo. I capolini hanno ligule che tendono a piegarsi verso il basso.

La camomilla comune è presente nei campi di frumento, negli incolti, ai bordi dei viottoli fino a 500/600 metri di quota.

Con l'infuso di camomilla (un cucchiaio per tazza di acqua bollente, non più di 2/3 tazze al giorno) si combatte l'insonnia, la cattiva digestione, le nevralgie del trigemino o il mal di denti.

La camomilla serve poi per conservare e ravvivare i capelli biondi. Con la camomilla si può preparare un elisir: si prendono 100 grammi di fiori freschi e si fanno macerare in 300 grammi di alcol per liquori.

Dopo 15 giorni si prepara uno sciroppo facendo sciogliere, in mezzo litro d'acqua, 400/500 grammi di zucchero. Si mescola a freddo questo sciroppo con l'alcol aromatizzato, aggiungendovi la sola parte gialla di un pezzetto di buccia di limone, un pezzetto di scorza di cannella e alcuni grani di coriandolo.

Si fa riposare ancora 5/6 giorni, si filtra e si lascia stare per un altro mese prima di berlo.

Il nome dialettale della piantina è Camamèla.

Photo Gallery