Legatura del Bonsai

LEGATURA Questa tecnica, nata all'inizio del secolo, consente al bonsaista di dare alla pianta la forma desiderata, sia forzando in certe direzioni la crescita di rami giovani, sia modificando anche profondamente la direzione del tronco e dei rami principali.

Per ottenere questi risultati viene usato del filo metallico, di diverso tipo (rame, acciaio...) e diametro, a seconda della tensione da applicare alla parte vegetativa che si vuole forzare. il filo può essere utilizzato nella fase della prima impostazione della pianta, quando si effettua per conferire caratteristiche interessanti all'albero in crescita, ma anche in formazione, per migliorare o modificare certe caratteristiche.


La legatura prevede vari accorgimenti e non è di semplice utilizzo. È per questo consigliabile applicarla quando ormai ci si è già impadroniti della tecnica, perché se fatta in modo non corretto può creare qualche problema alla pianta.

In questa sede basterà ricordare che l'applicazione deve sempre iniziare dal ramo basale e solo al completamento della sua impostazione, si potrà passare al successivo. Il filo dovrà essere fissato ad un punto robusto della pianta in modo da poter applicare la giusta tensione; dovrà indirizzare il ramo, ma non danneggiare la corteccia; nè dovrà mai coprire le foglie o gli aghi.

Va sempre ricordato che la presenza del filo rende l'albero esteticamente meno valido. Pertanto andrà usato con cura e parsimonia, evitando di renderlo troppo evidente.

Inoltre andrà tagliato e riapplicato costantemente (circa ogni anno), perché gli organi della pianta, a causa del continuo sviluppo, potrebbero a lungo andare essere danneggiati dalla sua presenza.

Photo Gallery